I Percorsi turistici culturali crescono   Ora anche in bassa Valle Seriana
Il primo appuntamento è a Onore, partendo dal ponte che collega a Rovetta

I Percorsi turistici culturali crescono

Ora anche in bassa Valle Seriana

Prendono il via i Percorsi turistici culturali in Valle Seriana e in Valle di Scalve, oltre 50 appuntamenti per scoprire i gioielli del territorio sotto il profilo storico-artistico e paesaggistico.

Come da quattro anni a questa parte, i Percorsi turistici culturali sono studiati e organizzati da Promoserio, l’agenzia di sviluppo territoriale della Valle Seriana e della Valle di Scalve, con la collaborazione e il patrocinio di Regione Lombardia, dei Distretti del commercio dell’Alta Valle Seriana e del Serio, della Cooperativa Artelier e di altre realtà di promozione turistica.

Per la prima volta saranno proposti incontri sul territorio della media e della bassa Valle Seriana, coinvolgendo i Comuni di Colzate, Vertova, Peia, Gandino, Villa di Serio e Albino. Inoltre il simbolo dell’alta Valle Seriana, l’orologio Fanzago di Clusone, resterà aperto tutte le domenica di agosto e ogni seconda e quarta domenica nei mesi di luglio e settembre.

Come da tradizione, tutte le visite saranno accompagnate da una degustazione di prodotti d’eccellenza del territorio. Il progetto riparte sabato 2 luglio da Onore con una passeggiata fra geologia, archeologia e arte e proseguirà con una serie di tappe imperdibili, come la visita al santuario di San Patrizio a Colzate, la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta a Vertova e l’elegante Villa Carrara a Villa di Serio. Non mancheranno anche i grandi classici, riproposti fin dalla prima edizione, come il santuario della Madonna del Frassino a Oneta, le opere del Fantoni ad Ardesio, il Maglio Museo a Ponte Nossa e il sito minerario a Gorno.

Tutte le informazioni sugli eventi e l’elenco completo delle iniziative si possono trovare sul sito www.valseriana.eu o contattando il 342.3897672 tutti i giorni settimanali escluso il mercoledì, dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19. Festivi solo la mattina.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 1° luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA