Il turismo in Valle Seriana parla ebraico A Castione il primo albergo kosher
I due chef israeliani al lavoro nella cucina kosher del Grand Hotel Presolana di Castione (Foto by foto Magli)

Il turismo in Valle Seriana parla ebraico
A Castione il primo albergo kosher

Chef direttamente da Israele, cibo certificato e anche un ambiente destinato a sinagoga: l’albergo riaperto nel 2013 si apre alla clientela internazionale ebrea. E i risultati non mancano: 5 mila presenze in due mesi. Durante la vacanza proposta, visite ai laghi, in miniera a Schilpario e ai parchi avventura degli Spiazzi e delle Fiorine.

Differenziarsi per crescere, o sopravvivere. A Castione, la scelta del Grand Hotel Presolana di darsi – primo nella Bergamasca – alla cucina kosher aprendosi al mercato dei clienti ebrei sta dando i suoi frutti: 5 mila presenze a luglio e agosto. Una media di 150 nuovi arrivi alla settimana, giungono da tutto il mondo: Israele, Europa e Stati Uniti. E al Presolana trovano il cibo certificato kosher e pure una sinagoga, che è stata allestita nel seminterrato. in Valle Seriana, ma anche a Lovere e sul lago d’Endine, li si vede sempre più spesso: alcuni dei clienti ebrei del Grand Hotel sono della corrente charedì, identificabili dai caratteristici riccioli che gli uomini si fanno crescere a incorniciare il viso.

La cerimonia dell Kiddush durante la festa di Shabbat, il giorno del riposo, in hotel

La cerimonia dell Kiddush durante la festa di Shabbat, il giorno del riposo, in hotel

La famiglia Chaver che ha scelto la Valle Seriana per le sue vacanze

La famiglia Chaver che ha scelto la Valle Seriana per le sue vacanze

Il direttore commerciale dell’hotel, Alessandro Urru, con un cliente ebreo «Fur hat»

Il direttore commerciale dell’hotel, Alessandro Urru, con un cliente ebreo «Fur hat»

Pellicciai, gioiellieri, banchieri, costruttori, imprenditori del settore hi-tech e tanto altro con, soprattutto, molti figli al seguito, anche nove per famiglia. Una «miniera d’oro» che anche le nostre montagne e i nostri laghi hanno iniziato a conoscere, basti pensare che il programma settimanale della vacanza «chiavi in mano» proposta dal tour operator israeliano C Travel 2016 e dall’agenzia austriaca Gaya prevede uscite alle miniere di Schilpario, al lago d’Iseo, Colere e Clusone, «ma i nostri clienti amano anche molto gli Spiazzi di Gromo – spiega il direttore commerciale dell’hotel, Alessandro Urru – e il lago d’Endine». E trascorrono le giornate in valle tra kanyoning, arrampicate, divertimento ai parchi avventura degli Spiazzi e delle Fiorine, con uscite anche a Verona, al lago di Como, Lugano, Milano, Gardaland e Sirmione e – come venerdì mattina – a fare shopping a Oriocenter.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 20 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA