Incendi dolosi al ponte del Costone Condannato piromane: 3 anni e 10 mesi

Incendi dolosi al ponte del Costone
Condannato piromane: 3 anni e 10 mesi

È stato condannato a 3 anni e 10 mesi per incendio boschivo doloso il pensionato di Clusone che era stato fermato per i roghi al ponte del Costone.

Piromane (probabilmente) sì, incapace d’intendere e volere no. Il 73 enne, presunto «incendiario» del ponte del Costone, non sarebbe affetto da pregresse patologie psichiatriche a cui associare la piromania e per le quali poter riconoscere l’incapacità d’intendere e volere, aveva sottolineato nella sua relazione il professor Massimo Biza, incaricato dal tribunale di sottoporre a perizia psichiatrica il pensionato. Ed è anche per questo, per l’impossibilità di riconoscere il cosiddetto vizio di mente, alla fine è arrivata la condanna: 3 anni e 10 mesi per incendio boschivo doloso. Il pensionato è considerato l’autore di otto roghi (in un paio di casi tentati) appiccati sui monti nella zona del ponte del Costone tra il dicembre 2016 e il 30 marzo 2017, quando dopo l’ennesima segnalazione e il consueto intervento delle forze dell’ordine il 73 enne era stato arrestato in flagranza dai carabinieri di Clusone.

Il giudice ha escluso la recidiva e si è riservato di decidere sulla richiesta di sostituzione del carcere con l’obbligo di firma formulata dall’avvocato difensore, dato che il 73 enne di Clusone ha già scontato 10 mesi in carcere.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 30 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA