La befana atterra con il parapendio A Gandino la tradizione si ripete

La befana atterra con il parapendio
A Gandino la tradizione si ripete

Un atterraggio puntualmente atteso da oltre vent’anni, che si è rinnovato venerdì 6 gennaio nel ricordo di un amico dal cuore grande.

L’Associazione Volo Libero Monte Farno “Diego Servalli”, in collaborazione con la Pro Loco, ha replicato a Gandino, per la gioia di un nugolo di bimbi festanti, l’arrivo della “Befana dal cielo”. A dire il vero ad atterrare sono stati nove assistenti in costume da Babbo Natale, dato che la vecchina è stata bloccata a letto dalla febbre. Il gruppo è planato in parapendio, attorno a mezzogiorno, per dispensare dolciumi nell’area antistante il Santuario di San Gottardo a Cirano, non lontano dalla parrocchiale di San Giacomo. La gioia dei bambini è stata il modo migliore per ricordare Diego Servalli, ideatore dell’iniziativa, morto il 5 giugno 2015 in un tragico incidente stradale mentre era in sella alla sua moto. Diego era fra i massimi esperti di volo a livello nazionale e grazie alla sua competente passione sono nati sul Monte Farno una scuola e un’associazione dedicate al parapendio. Memorabili, nel giorno dell’Epifania, gli atterraggi completati da Diego con un’enorme slitta rossa, ingovernabile per molti, ma non per lui. E qualcuno giura di averlo visto volteggiare anche quest’anno, addirittura senza parapendio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA