Limitazione traffico estesa all’hinterland? Scanzo: no, prima una strategia comune

Limitazione traffico estesa all’hinterland?
Scanzo: no, prima una strategia comune

Da Bergamo è scattato l’invito ai paesi dell’hinterland ad adottare i provvedimenti decisi dal capoluogo in merito alla limitazione del traffico per ridurre l’inquinamento - la dichiarazione è stata dell’assessore all’Ambiente Leyla Ciagà - ma da Scanzorosciate è arrivato un primo no.

Si è espresso così il primo cittadino di Scanzorosciate, Davide Casati: «La limitazione del traffico estesa all’hinterland oltre alla città ha senso solo se c’è una strategia comune con i sindaci e la Provincia altrimenti non serve a nulla in quanto ci sarebbero scelte non unanimi dei territori che farebbero perdere di senso ogni buona intenzione. Prima serve un tavolo di confronto. Ecco perché ho detto “no” ai giornalisti che stanno chiamando i sindaci per sapere se obbligheranno le targhe alterne come in città dal 29 dicembre».


© RIPRODUZIONE RISERVATA