Malore a scuola,  il 17enne sta meglio Gazzaniga, decisivo il  soccorso dei prof

Malore a scuola, il 17enne sta meglio
Gazzaniga, decisivo il soccorso dei prof

Sta meglio il ragazzo di 17 anni di Nembro che mercoledì si è sentito male a scuola ed è stato tempestivamente soccorso dai suoi professori, all’Isiss Valle Seriana di Gazzaniga.

Il 17enne è ora a casa dopo il ricovero al Bolognini di Seriate dove era stato ricoverato nel reparto di Cardiologia. Ora si è ripreso e sta meglio: si spera possa tornare a scuola nei prossimi giorni.

I primi a soccorrerlo, praticandogli per diversi minuti il massaggio cardiaco, erano stati alcuni professori durante la lezione di motoria. Poi è intervenuto il 118, che l’ha nuovamente rianimato dopo che, ripresosi poco prima, il ragazzo aveva nuovamente perso i sensi. Lo studente, residente a Nembro, è stato infine trasportato all’ospedale di Seriate per accertamenti.

Il malore l’ha colto mentre era nella palestra dell’istituto di via Marconi, verso le 13,30, quando lo studente e i suoi compagni erano in palestra, per la lezione di motoria. Per cause da accertarsi, all’improvviso il 17enne si è sentito male e ha perso conoscenza. Il ragazzo è stato immediatamente soccorso dagli insegnanti presenti che, viste le sue condizioni e mettendo in pratica le conoscenze acquisite per interventi di primo soccorso, gli hanno praticato il massaggio cardiaco. Pratica che è stata poi proseguita e portata con esito positivo a termine dai volontari della Croce Blu di Gromo, intervenuti con il supporto dell’auto medica di Piario. Lo studente, infatti aveva avuto, nel frattempo, una nuova crisi cardiaca che ha superato grazie anche all’impiego del defibrillatore di cui l’equipaggio dell’ambulanza (come del resto l’istituto scolastico) era ovviamente provvisto.

Il caso di Gazzaniga ha messo in risalto quanto la collaborazione tra personale della scuola adeguatamente formato e operatori del servizio di emergenza-urgenza della sanità, possa dare ottimi risultati a tutto vantaggio della popolazione scolastica e possa rassicurare le famiglie che, in casi di emergenza, gli istituti scolastici sono preparata per far fronte anche a situazioni critiche.


© RIPRODUZIONE RISERVATA