Migliorati candidato sindaco, in lista  gli ex nemici di Carroccio e Forza Italia

Migliorati candidato sindaco, in lista
gli ex nemici di Carroccio e Forza Italia

A volte ritornano. Non solo. A volte lo fanno mescolando le carte in tavola. Angelo Migliorati torna a presentarsi come candidato sindaco a Castione della Presolana, dove aveva già ricoperto la carica per due mandati, dal 1997 al 2006. Migliorati sfiderà il 5 giugno il sindaco uscente Mauro Pezzoli (Vivi Presolana) e Fabio Ferrari (Castione unita).

Un ritorno che avrà sicuramente sorpreso qualcuno, soprattutto nel vedere il simbolo di «Impegno Democratico». Perché la lista (civica) è sostenuta anche da Lega Nord e Forza Italia, i due partiti che sedevano all’opposizione nel corso dei due precedenti mandati di Migliorati. «Il nostro è un gruppo trasversale, – sottolinea il candidato sindaco – composto da anime, anche politiche, molto diverse tra loro, ma unite dall’obiettivo comune: fare quanto di meglio è possibile per Castione. È vero che quando sono stato eletto sindaco, la Lega sedeva all’opposizione. Ma abbiamo scelto, in questo modo, di avere anche un legame diretto con chi ci amministra in Regione e dispensa finanziamenti per aiutare progetti importanti».

Tra i candidati consiglieri, anche un altro ex sindaco: Luciano Sozzi (1985 - 1992). Un lavoro, quello di «Impegno Democratico», iniziato un anno fa. «Il nostro scopo – continua Migliorati – è di cercare di affrontare la crisi, che a Castione è stata sentita in modo piuttosto marcato. Sappiamo che non dipende da un’Amministrazione la presenza o meno di una crisi finanziaria internazionale, ma anche un’Amministrazione locale può dare risposte valide in questo ambito. La prima necessità che si presenterà alla prossima Amministrazione sarà di fermare il declino che sta colpendo il nostro paese. Ad esempio, la volatilizzazione del valore immobiliare è un aspetto che si riflette anche sui risparmi delle famiglie castionesi, che si basava proprio sull’immobiliare».

Tante le azioni e gli obiettivi. «Tra i primi punti – prosegue il candidato sindaco - c’è quello di ripensare le politiche che vengono adottate dal Comune. Bilancio alla mano, nel corso dell’ultimo anno la prima voce di spesa pubblica è stata quella legata ai rifiuti, con 648 mila euro. Visto anche il periodo di crisi vogliamo ripensare queste politiche, dando più valore a persone, famiglie e turismo». Tra le priorità di Migliorati ci sono anche infrastrutture e viabilità.

In particolare, tra le priorità ci sono anche la progettazione e il reperimento delle risorse per la riqualificazione della ex Dalmine secondo obiettivi e misure europee, l’individuazione di una struttura idonea da destinare a residenza per anziani nel centro di Bratto e la progettazione di un piano di attuazione e riqualificazione del chiostro degli Albinoni e dei Boni e dell’area di piazza Broletto e Palazzo Bonghi. Sotto la voce «politiche culturali», il candidato evidenzia come prioritari il mantenimento del plesso scolastico di Bratto, la progettazione di una proposta culturale legata alle origini castionesi di Tomaso Albinoni, iniziative per la rivalutazione delle conoscenze popolari, dell’economia identitaria e del ruolo della tradizione e le proposte di iniziative di educazione permanente e corsi di formazione per adulti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA