«Non sono riuscito a salvarlo» Parla il turista che ha trovato  frate Mino
Frate Mino Baretti

«Non sono riuscito a salvarlo»
Parla il turista che ha trovato frate Mino

È stato un turista di Dalmine a lanciare l’allarme ai bagnini di Sestri Levante quando ha visto il corpo senza vita di frate Mino Baretti.

«Stavo facendo il bagno quando ho visto quell’uomo in acqua, aveva gli occhialini e pensavo che stesse guardando il fondale, poi mi sono avvicinato e ho visto che non si muoveva». È stato Claudio Brolis di Dalmine, cantante della band bergamasca «Stone Garden», a trovare frate Mino Baretti, 63 anni di Clusone, martedì mattina senza vita nelle acque della baia delle Favole a Sestri Levante.

«Ho lasciato mia moglie con il bimbo di 4 anni nell’acqua bassa e mi sono spinto più al largo per fare due bracciate – racconta – . Ho visto quell’uomo a pancia in giù, l’ho chiamato, gli ho gettato un po’ d’acqua sulla schiena e poi l’ho toccato, perché vedevo che non si muoveva. A quel punto gli ho sollevato il viso e ho visto che era già gonfio: ho urlato più che potevo e i bagnini sono arrivati subito a nuoto e lo hanno portato a riva. Lì tra i bagnanti c’era una cardiologa e un’altra dottoressa che gli hanno praticato il massaggio cardiaco, hanno fatto di tutto anche i soccorritori arrivati in ambulanza, hanno usato il defibrillatore, ma la situazione era già troppo grave».

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 27 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA