Valbondione, aquila reale avvelenata «Valori di piombo 2 volte sopra la soglia»
Un’aquila con i sintomi di avvelenamento da piombo

Valbondione, aquila reale avvelenata
«Valori di piombo 2 volte sopra la soglia»

Un altro caso di avvelenamento da piombo su un’aquila reale nel Parco delle Orobie. L’esemplare adulto, in stato di decomposizione, era stato recuperato a Valbondione, il 24 aprile scorso.

Dalle analisi effettuate sui resti della carcassa sono stati quantificati valori di piombo due volte superiori alla soglia tollerabile. Un caso era già stato segnalato a novembre del 2011, a Ponte Nossa. Il problema dell’avvelenamento da piombo delle aquile reali e di altri grandi rapaci necrofagi esiste da quando l’uomo ha iniziato a utilizzare il piombo per le munizioni da caccia.

Le aquile sono esposte al rischio di intossicazione da piombo perché si nutrono dei visceri degli ungulati abbandonati dai cacciatori. La soluzione: introdurre l’obbligo di utilizzo di proiettili atossici (ad esempio rame) mettendo definitivamente al bando il piombo nelle munizioni di caccia come già fatto in alcune aree.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 31 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA