Vertova, aggredito da un rottweiler Appello Facebook per trovare il padrone

Vertova, aggredito da un rottweiler
Appello Facebook per trovare il padrone

Sabato pomeriggio a Vertova è stato aggredito da un rottweiler, che è riuscito a morderlo nonostante avesse la museruola. Un uomo residente a Fiorano ha lanciato un appello sul gruppo «Sei di Vertova se» per rintracciare il padrone.

È stato aggredito da un cane rottweiler a Vertova, sabato pomeriggio, che è riuscito a morderlo nonostante avesse la museruola. Un uomo residente a Fiorano, Michele Ghilardelli, non si è reso conto subito di essere stato ferito ma ha continuato a camminare per un paio di minuti, prima di sentire dolore e accorgersi di perdere sangue da una gamba. L’aggressione si è verificata in via 5 Martiri e Ghilardelli è tornato indietro ma non è più riuscito a trovare il cane e il suo padrone. L’uomo si è quindi rivolto a Facebook, chiedendo aiuto per rintracciarli. Domenica pomeriggio ha scritto un post sul gruppo pubblico «Sei di Vertova se».

Salve a tutti amici di Vertova, ho bisogno del vostro aiuto – inizia Ghilardelli –. Ieri pomeriggio (sabato, ndr) verso le 16,10 sono stato aggredito da un rottweiler in Valle Vertova. Stavo scendendo dalla strada e mi trovavo più o meno dove c’è la carrozzeria Balini. Passo accanto a due signori sui 35-40 anni vestiti da montagna. Uno aveva al guinzaglio un rottweiler con la museruola, l’altro un cane di grossa taglia simile a un cocker di colore rossiccio.

Gli passo accanto e il Rottweiler mi aggredisce improvvisamente. Per fortuna ho reagito prontamente e mi sono spostato. Non mi sono preoccupato perché ho visto che il cane aveva la museruola, ma ciononostante è riuscito a mordermi lo stesso, attaccandosi alla mia maglietta e afferrandomi anche i pantaloni».

L’uomo si è reso conto di essere rimasto ferito dopo pochi minuti, è tornato indietro ma il padrone e il cane erano spariti: «Ma se al mio posto fosse passato un bambino, o una persona anziana, cosa avrebbe potuto fare quel cane?». Ha quindi lanciato un appello per riuscire a rintracciarlo.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 14 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA