Franco, compie 100 anni a Toronto «Ma sogno sempre la Valle Imagna»

Franco, compie 100 anni a Toronto
«Ma sogno sempre la Valle Imagna»

Da Cimalprato di Valsecca in Canada per insegnare letteratura italiana da più di 50 anni. La storia del decano degli emigranti Oltreoceano. È stata una festa speciale per lui, la moglie Anna, i figli, i generi e le nuore, i nipoti e anche il piccolo pronipote oltre ai tanti amici che hanno brindato alle sue 100 primavere. Franco Bugada ha celebrato questo importante traguardo nella casa della figlia Nadia, ad Oakville, Ontario, in Canada, il Paese in cui è emigrato nel 1967. Con gli occhi pieni di lacrime per l’emozione ha ringraziato tutti e il suo pensiero è volato a Valsecca, alla contrada Cimalprato, dove è nato il 9 giugno del 1918.

A Toronto ha insegnato per tanti anni Lingua e letteratura italiana all’Università Laurentian di Sudbury: fino a 5 anni fa ogni anno nel mese di giugno ritornava a Valsecca nella casa di via Cascutelli e a Dalmine dove vivono le famiglie dei suoi fratelli.

«Non avrei mai pensato di raggiungere questo traguardo – ha detto al Corriere Canadese, il quotidiano di lingua italiana che lo ha intervistato per l’occasione –. Nel tramonto della mia vita, posso finalmente godere il frutto dei miei sacrifici. Vedendo i miei figli e nipoti eccellere nella loro vita, trovo una enorme soddisfazione. È valsa la pena venire in Canada ed esporre i miei figli a una cultura diversa dalla quale hanno apprezzato di conoscere il mondo».

Essere più vicini ai bergamaschi che vivono all’estero e raccogliere le loro esperienze in giro per il mondo: è per questo che è nato il progetto «Bergamo senza confini» promosso da «L’Eco di Bergamo» in collaborazione con la Fondazione della comunità bergamasca onlus. Per chi lo desidera è possibile ricevere gratuitamente per un anno l’edizione digitale del giornale e raccontare la propria storia. Per aderire scrivete a: bergamosenzaconfini@ecodibergamo.it .

Tutta la storia di Franco acquistando a 0.99 euro la copia digitale del 24 giugno

© RIPRODUZIONE RISERVATA