Domenica 20 Dicembre 2009

Nasce il progetto “mi fido di Te.”
e a febbraio la Fiera della fiducia

Nel clima generale di diffidenza e paura che regna nella nostra società nasce il progetto “mi fido di Te.”, una realtà che va nel senso opposto: vuole guardare avanti, puntare ad un futuro migliore, credere nelle persone e nelle loro idee, facendo emergere gli esempi concreti di chi non si arrende e continua a lottare, nonostante tutto. “mi fido di Te.” - nato da un'idea di Marcello Raimondi, sottosegretario alla Presidenza della Regione Lombardia - vuole contribuire ad eliminare la paura ed alimentare invece la fiducia. “mi fido di Te.” ha lo scopo di favorire e sostenere esperienze concrete del nostro territorio, esperienze che mostrano la necessità assoluta di ricostruire un clima di fiducia. Presidente dell'associazione è Angelo Capelli, avvocato e sindaco di Ponte Nossa.

A lanciare l'iniziativa un comitato promotore composto, oltre che da Marcello Raimondi, anche da chi già costruisce, con la propria opera, la fiducia. Per tale motivo si tratta di un gruppo che aderisce a titolo personale, perché la fiducia è comunicata da uomini, non dalle sigle. Si tratta di: Luigina Bernini, industriale titolare della Lamiflex Spa, Marco Bolis, presidente del Banco di Solidarietà Bergamo Onlus, Vittorio Bosio, presidente del Centro Sportivo Italiano di Bergamo, Angelo Carrara, presidente dell'Associazione Artigiani di Bergamo, Franco Cortinovis, vice presidente dell'Avis di Bergamo Giovanni Manzoni, presidente dell'Anmic (l'Associazione degli invalidi civili) di Bergamo, Fabio Marazzi, professore di organizzazioni internazionali all’Università di Bergamo, collaboratore di CO.GES. - Centro per l'innovazione e la gestione della conoscenza, Luigi Trigona, direttore dell'Ascom (Associazione dei commercianti di Confcommercio) di Bergamo e Dario Zambelli, presidente dell'Ente Turismo Sociale della Cisl.

Per fare emergere gli esempi concreti della fiducia, l'associazione “mi fido di Te.” organizzerà la prima edizione della Fiera Campionaria della fiducia. L'appuntamento è fissato dal 5 al 7 febbraio 2010, alla Fiera di Bergamo, in via Lunga. All'interno della Fiera saranno visibili gli esempi concreti di chi ha ancora fiducia e contribuisce ad infonderla nella nostra società: associazioni, cooperative, piccoli imprenditori e amministrazioni pubbliche del nostro territorio presenteranno la loro attività ai visitatori.

La Fiera Campionaria della fiducia raccoglierà inoltre i “costruttori di fiducia”, ovvero quelle realtà che hanno condiviso le finalità del progetto e promuovono servizi e iniziative che generano fiducia. A testimoniare la propria realtà saranno infatti presenti, tra gli altri, alcuni Confidi e soggetti di sostegno al credito, sportelli per far conoscere gli strumenti pubblici di sostegno alle imprese e alle famiglie, il Banco di Solidarietà Bergamo Onlus, soggetti che si occupano della ricerca e della riqualificazione del lavoro come l’associazione Bergamo Lavoro, l’Avis, l’Anmic, la Coges e molti altri.

Ll’associazione ha istituito anche in premio “mi fido di Te.”, segno concreto della riconoscenza nei confronti di chi indica la strada da seguire. Il comitato promotore ha avuto il compito di valutare i progetti di fiducia raccolti sul territorio e assegnare i premi. Il candidato vincitore riceverà un riconoscimento ufficiale e le realtà vincitrici saranno premiate anche con un contributo economico. I visitatori della Fiera, dopo aver visto da vicino le realtà presenti, potranno partecipare attivamente all’assegnazione del premio, esprimendo la propria opinione.

Per sostenere in modo concreto queste realtà, anche attraverso la donazione di premi, l’associazione sta raccogliendo adesioni per costituire il fondo “mi fido di Te.”, strumento fondamentale per l’apertura di bandi per l’erogazione di contributi a fondo perduto o l’agevolazione per il microcredito. Attraverso il fondo l’associazione vuole sostenere diverse categorie di destinatari quali aziende, persone fisiche, associazioni. Parallelamente verrà attivato un progetto di microcredito.

k.manenti

© riproduzione riservata