Venerdì 08 Gennaio 2010

Un miracolo: il treno arriva
con 11 minuti d'anticipo. Ma...

Un treno in ritardo - purtroppo - non fa notizia. La fa invece un convoglio che arriva in anticipo, soprattutto se a destinazione arriva ben 11 minuti prima del previsto. In tempi «bui», di forti proteste dei pendolari, sembra una buona notizia. Ma, come sempre, non è sempre tutt'oro quel che luccica. Ecco l'email che ci ha scritto Matteo Cerea, partito all'alba da Grumello...

«Gent.le Redazione,
vorrei segnalare alla vostra attenzione che il treno delle 7.16 da Bergamo per Milano P. Garibaldi di questa mattina (08/01/10) è arrivato con 11 minuti di anticipo. Partito puntuale da Bergamo è arrivato alle 7.48 anzichè alle 7.59. In effetti, non ci si dovrebbe lamentare per un treno che arriva in anticipo, soprattutto quando impiega 32 minuti per percorrere 60 km con una sola fermata intermedia.

Ma purtroppo sono costretto a lamentarmi perchè per prendere il treno delle 7.16 questa mattina sono stato obbligato a recarmi a Bergamo in auto pur avendo un abbonamento annuale da Grumello del Monte a Milano. Da quando sono stati cambiati gli orari, il treno che parte alle 6.49 da Grumello del Monte proveniente da Brescia non arriva a Bergamo alle 7.13 come da orario, ma arriva attorno alle 7.16.

Otto volte su 10 il treno da Brescia arriva sul binario 1 proprio mentre il treno per Milano sta partendo dal binario 6. Il treno successivo parte alle 7.32 e ferma anche a Treviglio e Pioltello. Rispetto agli orari dello scorso anno, quando il treno partiva da Grumello alle 6.53 ed arrivava alle 7.14, dovrebbe esserci un margine maggiore di puntualità ma purtroppo, mentre lo scorso anno il treno proseguiva per Milano via Treviglio, ora continua per Milano via Carnate.

I viaggiatori provenienti dalle stazioni di Seriate, Albano, Montello, Chiuduno, Grumello e Palazzolo e diretti a Milano sono quindi costretti al cambio e in queste condizioni non riescono più a prendere il treno delle 7.16, nemmeno attraversando i binari. Con 10 minuti abbondanti di margine a disposizione, la partenza del treno delle 7.16 non potrebbe essere sistematicamente ritardata di 2 o 3 minuti per consentire il cambio ai passeggeri del treno da Brescia?

Il treno da Brescia non potrebbe arrivare sulla stesso marciapiede del treno in partenza per Milano? Pur non essendo un tecnico, mi permetto di suggerire queste soluzioni perchè ogni tanto, forse ringraziando qualche capotreno assennato, il treno per Milano pur avendo il semaforo verde "aspetta", e qualche volta capita che il treno da Brescia arrivi sullo stesso marciapiede.

Ma purtroppo la "coincidenza" è diventata una "casualità" e per avere migliore fortuna si devono utilizzare i mezzi privati.
Grazie per l'attenzione e buon viaggio
Matteo Cerea - Grumello del Monte (Bg)»

Anno nuovo, Ferrovie vecchie: l'email di un altro lettore
«Ieri lo stesso treno è partito alle 7.28 (12 min di ritardo) ed è arrivato alle 7.58 (5 min di anticipo). Questo significa che le attuali infrastrutture permettono tempi di percorrenza della tratta Bergamo-Milano L.te di 30 minuti, come avevano sempre promesso i vertici di FS e di Regione Lombardia (e come succedeva 15 anni fa!! prima del raddoppio e del quadruplicamento).

Gli orari attuali invece sono costruiti su su tempi di 46 minuti (53 min per il treno delle 7.32) e riescono anche ad aggiungere ritardi. L’ A.D. Moretti aveva proclamato alla stampa che “nel periodo Natalizio avrebbero attuato un intervento di manutenzione straordinaria e bla bla..).  Infatti viaggiamo con carrozze chiuse, porte rotte, riscaldamento che non funziona e tanta tanta sporcizia.
Anno nuovo ferrovie vecchie
G. Mologni»

La pulizia lascia a desiderare
«Il gabinetto faceva letteralmente schifo e puzzava. Le pulizie? Esistono?
Ci presenteremo all'Expo con un sistema ferroviario da quarto mondo!
Non ho parole
Luca»

r.clemente

© riproduzione riservata