Domenica 10 Gennaio 2010

Scippi, indizi non gravi sul 19enne
Resta in cella solo per ricettazione

Si è avvalso della facoltà di non rispondere alle domande sabato 9 gennaio in carcere il marocchino di 19 anni finito in manette con l’accusa di essere uno dei responsabili dei numerosi scippi avvenuti in città e provincia negli ultimi giorni (insieme a lui è stato denunciato a piede libero un diciassettenne marocchino, ritenuto suo complice e trovato alla guida della Volswagen Golf usata per i colpi).

Il giovane, regolare in Italia ma di fatto senza una fissa dimora, difeso di fiducia dall’avvocato Emilio Tanfulla, è stato raggiunto in carcere dal giudice per le indagini preliminari Patrizia Ingrascì, per l’interrogatorio di convalida del fermo: il magistrato ha convalidato il provvedimento e ha confermato, per il solo reato di ricettazione però, la misura della custodia in carcere. Per quanto riguarda infatti i furti con strappo contestati il gip ha rilevato la presenza di indizi, ma allo stato non gravi, e quindi non ha applicato misure: le descrizioni fornite dalle vittime, sia dei responsabili che della vettura da loro usata, presenterebbero infatti alcune discrepanze tra loro.

Sull’auto, oltre a due coltelli, un cacciavite e uno sfollagente, erano state trovate alcune tessere di provenienza furtiva (di qui l’accusa di ricettazione): una tessera sanitaria e due tessere fedeltà di altrettanti negozi, provento di furti commessi a dicembre. I due marocchini erano stati rintracciati e fermati giovedì pomeriggio in via Meucci, dopo gli ultimi due colpi della serie. Le forze dell’ordine stanno invece ancora cercando un terzo complice, per ora irreperibile. T.T.
Per saperne di più leggi L'Eco in edicola domenica 10 gennaio

k.manenti

© riproduzione riservata