Martedì 12 Gennaio 2010

Cosmetici cinesi tossici
Sequestrati 6 mila pezzi

Seimila cosmetici tra rossetti, mascara, smalti per unghie e creme sono stati sequestrati dai carabinieri di Bergamo in diversi negozi cinesi di città e provincia. I prodotti contengono metalli pesanti in concentrazioni molto elevate e dannose per l'organismo. In un campione, ad esempio, è stata trovata una percentuale di piombo duemila volte superiore a quella consentita dalla normativa europea.

Il sequestro a scopo preventivo riguarda prodotti con marchio Riveel importati direttamente dalla Cina da due imprenditori cinesi di Milano che erano stati già indagati per lo stesso reato nel dicembre del 2009, quando in tutta Italia vennero sequestrati 6 milioni di cosmetici. A Bergamo l'operazione è scattata dopo che una 17enne di Brembate Sopra ha acquistato uno smalto in un negozio cinese del suo paese per 1 euro e 20 centesimi.

La ragazza ha mostrato il prodotto a un amico carabiniere chiedendogli il motivo di un prezzo così basso. Il militare ha svolto degli accertamenti scoprendo che lo smalto faceva parte della partita di cosmetici cinesi tossici sequestrata a dicembre in tutta Italia su iniziativa del Tribunale di Milano.

Sono così scattati i controlli e i sequestri in tutti i negozi cinesi bergamaschi che avevano acquistato dai grossisti (sembra in buona fede, tant'è che nessuno di loro è stato indagato) i cosmetici Riveel. A Bergamo i carabinieri hanno sequestrato i prodotti in un negozio di via Borgo Palazzo, mentre gli altri negozi si trovano tutti in provincia: Sarnico, Villongo, Grumello del Monte, Castelli Calepio, Trescore, Brembate Sopra, Curno e Mozzo.

k.manenti

© riproduzione riservata