Mercoledì 13 Gennaio 2010

Il farmaco generico «piace»
ma è ancora poco utilizzato

Adiconsum ha condotto nei mesi scorsi una campagna informativa dedicata al farmaco generico, che si è conclusa con il convegno che mercoledì pomeriggio, nella sala Riformisti del Lavoro della Cisl di Bergamo, ha ospitato esponenti del mondo medico e farmaceutico provinciale, quali il dr. Emilio Pozzi, presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo, e la dr.ssa Maria Teresa Lorenzi, medico di medicina generale e consigliere dell’Ordine, oltre a Giorgio Locatelli, segretario dell'Ordine dei Farmacisti di Bergamo, che hanno sostenuto con forza la validità del generico.

L’associazione di difesa dei consumatori della Cisl ha anche presentato un sondaggio, proposto alle molte persone che hanno partecipato alle assemblee svolte in tutta la provincia. Da questa inchiesta emerge che il 56% degli intervistati certamente non usava il farmaco generico, mentre non è detto che tutti quelli che avevano una opinione positiva del generico, poi lo usassero effettivamente.

“Occorre dire, con soddisfazione – dichiara Eddy Locati, segretario generale di Adiconsum Bergamo -, che dopo l'assemblea l'opinione sul farmaco generico è decisamente cambiata! Infatti l'80% degli intervistati dichiara che si è formato un'opinione positiva sul prodotto. Solo il 2,5% mantiene una opinione negativa, mentre il 17% si dichiara neutrale. La stragrande maggioranza (97%) dichiara di aver trovato interessante sia il Progetto che la locandina, cosa che non può che farci piacere anche per il lavoro futuro. Il questionario dava la possibilità di aggiungere dei suggerimenti. Non molti l'hanno fatto, però interessante è registrare che un buon numero di coloro che hanno utilizzato questa opportunità segnalano da un lato la necessità di fare più assemblee decentrate per informare su questi argomenti e dall'altro sottolineano la necessità di coinvolgere maggiormente i Medici di famiglia, ritenuti un po' la chiave di volta della diffusione del Farmaco Generico”.

a.ceresoli

© riproduzione riservata