Mercoledì 27 Gennaio 2010

Polveri sottili ancora alle stelle
Domenica stop al traffico

Nel pomeriggio verranno resi noti i dettagli, ma secondo alcune indiscrezioni la Giunta di palazzo Frizzoni ha deciso che domenica a Bergamo scatterà il blocco del traffico. Per il tredicesimo giorno consecutivo infatti il valore limite delle polveri sottili - il famigerato Pm10 - a Bergamo è stato superato di gran lunga in tutte le stazioni di rilevamento, come si può leggere nell'allegato.

Per la precisione, martedì 26 gennaio  i valori del Pm10 (il limite è 50 microgrammi per metrocubo d'aria) sono stati, in ordine decrescente, 90 in via Garibaldi a Bergamo, 89 a Lallio, 86 in via Meucci a Bergamo, 84 a Treviglio, 82 a Costa Volpino, 75 a Filago centro e 69 a Osio Sotto.

La situazione sembra destinata ad aggravarsi. Rispetto al 2009 - dicono gli esperti - siamo partiti al galoppo. Sul banco degli imputati il traffico veicolare e anche la metereologia non pare dare un mano in questo periodo. Martedì 26 gennaio si è tenuto un vertice a Palazzo Frizzoni fra il sindaco e gli assessori competenti per stabilire le misure da adottare, ma la decisione definitiva se chiudere o meno la città al traffico nella giornata di domenica 31 gennaio era stata rimandata a oggi.

La situazione è abbastanza confusa perché si sta tentando di scovare una soluzione comune con Milano e Brescia. Ecco perché la decisione è slittata dalla mattina al pomeriggio. Ci sarà una nuova riunione a Palazzo Frizzoni alle 14 e una conferenza stampa in Giunta alle 17 svelerà i dettagli del blocco.
 
«Stiamo aspettando le previsioni dell'Arpa per i prossimi giorni - ha detto martedì l'assessore all'Ambiente, Massimo Bandera -, in particolare quelle legate al vento che potrebbe darci una mano nel "pulire" l'aria. Diversamente dovremo adottare misure anche drastiche. Per parte nostra abbiamo comunque già chiesto l'apertura del tavolo di coordinamento della Regione che dovrà dare sue indicazioni in merito. Un provvedimento di chiusura deve in ogni caso essere concertato, non può interessare solo una città, ma anche i Comuni limitrofi e quindi tutti quelli dell'area critica, diversamente non si hanno particolari benefici, se non temporanei, nell'abbassamento dello smog».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata