Venerdì 29 Gennaio 2010

Prostituzione cinese via internet:
perquisizioni anche a Bergamo

Perquisizioni anche a Bergamo, oltre che in molte città dell'Alta Italia, nell'ambito di una operazione della squadra mobile della Questura di Brescia che ha scoperto una presunta organizzazione criminale di cinesi che secondo l'accusa gestiva un vasto giro di prostituzione in appartamenti affittati a prestanome.

I controlli hanno toccato oltre a Brescia anche Gallarate, Verbania, Vigevano, Asti e Milano: il gip del Tribunale di Brescia ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per quattro donne. Due sono già state eseguite, mentre per le altre due sono ancora in corso le ricerche delle destinatarie del provvedimento.

Le prostitute secondo l'accusa si procuravano i clienti attraverso una fitta rete di inserzioni pubblicitarie, e seguivano un manuale di comportamento che prevedeva anche regali ai vicini di casa e prestazioni gratuite per gli amministratori degli stabili disposti a chiudere un occhio.

r.clemente

© riproduzione riservata