Martedì 02 Febbraio 2010

Torre Boldone, il tram piace
ma ora i bus sono troppo pochi

La tramvia piace, ma a Torre Boldone non tutti la usano: chi abita lontano dalle fermate del trenino continua a viaggiare in autobus. Lamentandosi, però, perché da quando è arrivato il tram, il numero delle corse dei pullman Atb è diminuito. «I cittadini hanno ragione - dice il sindaco Claudio Sessa - L'estate scorsa, a giugno, è stata tolta la linea 4 e a gennaio l'Atb ha modificato alcuni percorsi, ma nessuno ci ha avvertito prima.

Abbiamo già segnalato il problema all'Atb, a cui abbiamo anche proposto una soluzione: riportare i pullman fino in cima a via Donizetti. Abbiamo già fatto una prova con l'autobus ed è andata bene. Dobbiamo soltanto spostare un palo e sistemare un marciapiede, ma sono interventi fattibili e veloci. E i residenti devono portare pazienza almeno per un paio di mesi. Noi intanto stiamo facendo il possibile per rimediare a decisioni non nostre».

La zona più critica è via Donizetti, dove passa l'11. «È dai residenti di questa zona che sono arrivate tantissime proteste. Ma anche da quelli di via Palazzolo, dove passava la linea 4, eliminata con l'arrivo della tramvia», dice l'assessore ai Lavori pubblici Stefano De Gasperis. Che aggiunge: «Nel 2008 in via Donizetti arrivavano 48 autobus al giorno (da Bergamo verso Torre Boldone). Da giugno 2009 questi pullman sono calati a 14. È un danno enorme perché questa zona è densamente popolata. Inoltre, su richiesta del sindaco di Ranica, alcune corse dell'11 hanno cambiato percorso.

E da gennaio, in via Donizetti, sono diminuiti di due terzi anche i pullman che da Ranica vanno verso Bergamo: a dicembre passavano 51 corse al giorno, adesso soltanto 16. Ora – continua De Gasperis – abbiamo proposto che uno dei tre autobus della linea 11 transiti su via Palazzolo e piazza Marconi, mentre gli altri due facciano entrambi il vecchio percorso dell'11 (quello che attualmente compie l'11A e transita lungo via Donizetti, via Ranica, via Sarca e piazza Europa, sia all'andata che al ritorno)».

k.manenti

© riproduzione riservata