Carnevale, la festa dei bambini
Mandateci le vostre fotografie

Carnevale, la festa dei bambini Mandateci le vostre fotografie
Sentierone pieno di mascherine domenica pomeriggio. Complice il tempo un po' meno gelido dei giorni scorsi e le bancarelle che hanno sfornato chiacchiere e frittelle per la gioia dei golosi, il centro città è stato animato da una folla variopinta e divertente. Coriandoli, stelle filanti, fischietti e spadine anche a Loreto, in via Broseta, mentre in Borgo Santa Caterina hanno festeggiato gli anziani.

Feste e sfilate anche in provincia: a Dalmine doppia festa per San Valentino a Carnevale, con cantanti, giochi di magia, gonfiabili, autopiste e jumping. Mestieri e professioni sono il tema dell'edizione 2010 del Carnevale a Romano, che è stato promosso dai due oratori in collaborazione con il Comune.

Dopo alcuni anni di stop a Covo si è tornati a bruciare la Vecchia, nella festa di Carnevale promossa dall'amministrazione comunale in collaborazione con l'oratorio e le associazioni. La sfilata si è conclusa all'oratorio, dove gli alunni della quarta elementare hanno messo in scena la rappresentazione del «Gigante egoista». E poi frittelle, dolci e salamini offerti dagli alpini.

A Cologno sfilata dei carri e dei gruppi in maschera, festa a Cerete, Riva di Solto, Zogno, Oltre il Colle, Bolgare, Calcinate, Calusco, Brembilla, Casazza, Castelli Calepio, Cenate Sopra, Costa di Mezzate, Curno, Pedrengo, Selvino, Spirano, Urgnano, Stezzano, Trescore, Zanica, Almè. A Luzzana dopo 11 anni è tornato il Palio delle contrade, mentre a Bondo Petello di Albino i volontari della parrocchia hanno organizzato «Macchinine in fuga», una carnevalata a tre ruote, dove i partecipanti dovevano presentarsi su un mezzo di trasporto, rigorosamente senza motore, ma obbligatoriamente mascherato.

A Ponte San Pietro la tradizionale sfilata di Carnevale organizzata dalle tre parrocchie. Alle 14 dall'oratorio della chiesa vecchia è partita la sfilata guidata dal curato don Andrea Lorenzi, mentre da Locate è partita quella guidata dal parroco don Giulio Albani. Entrambi i cortei sono arrivati all'oratorio del Villaggio Santa Maria dove la festa è continuata tutto il pomeriggio con animazione musica e frittelle.

A Terno d'Isola infine è andata in scena la classica festa di Carnevale con torte in faccia al parroco don Renato Belotti e al sindaco Corrado Centurelli. Il primo cittadino e il parroco si sono messi «alla berlina» per raccogliere fondi da devolvere alla costruzione dell'oratorio. La festa ha visto la presenza di quasi cinquemila persone e davanti allo stand delle torte c'era una folla incredibile, soprattutto di bambini. Un'ottantina le torte di panna che sono finite, a dir la verità, quasi tutte a terra. Solo i ragazzini più grandi, con un po' più di forza, sono riusciti a colpire i bersagli. Adulti più rispettosi delle due autorità, ma qualcuno ha voluto cimentarsi con il lancio: ci ha provato persino una vecchietta, ma il suo lancio non è andato a segno. In tutto sono stati raccolti circa 120 euro.
Inviaci la foto della tua mascherina a [email protected]

© RIPRODUZIONE RISERVATA