Sabato 27 Febbraio 2010

Operazione «Fiumi sicuri»
Cinquecento volontari in azione

Oltre cinquecento volontari hanno partecipato, sabato 27 febbraio, alla giornata dedicata alla prevenzione del dissesto idrogeologico, inserita nell'ambito dell'iniziativa di bonifica ambientale denominata «Fiumi Sicuri». L'esercito di volontari ha prestato il proprio servizio per ripulire alcuni corsi d'acqua della Bergamasca da ramaglie e rifiuti abbandonati lungo le rive.

A prestare il proprio servizio gli uomini di alcune associazioni iscritte alla sezione provinciale dell'albo del volontariato di protezione civile: dal Gruppo comunale di Villa di Serio al Gva di Alzano Lombardo, dal Gruppo comunale di Nembro ai nuclei Ana coordinati dall'Ana sezionale di Bergamo, dalla squadra antincendio di Rovetta alla squadra Aib di Valgandino. Senza scordare il gruppo comunale di Chignolo d'Isola e quello di Zogno, il gruppo volontari antincendio boschivo Aib Botta di Sedrina, i volontari del soccorso, l'Aib di San Pellegrino Terme e il Geam di Mapello.

Dalle prime ore del mattino, i volontari hanno provveduto a ripulire e a mettere in sicurezza i corsi d'acqua, ad eliminare ramaglie e alberi secchi che impediscono il normale deflusso idrico in caso di eventi idrometeorologici locali di particolare intensità e a recuperare i rifiuti che vengono abbandonati lungo le rive.

Diversi i Comuni interessati dall'iniziativa: le pulizie sono state condotte nei Comuni di Alzano Lombardo e Villa di Serio (fiume Serio), a Villa d'Ogna (torrente Ogna), a Cerete (torrente Cula), a Pontida e Ambivere (torrente Dordo), a Terno d'Isola, Chignolo d'Isola e Mapello (torrente Buliga), a Zogno e San Pellegrino Terme (fiume Brembo) e a San Paolo D'Argon (torrente Seniga).

Soddisfatto della buona riuscita dell'iniziativa, nata nel 2004 a Bergamo e «esportata» anche in altre province lombarde, l'assessore provinciale alla Protezione civile Fausto Carrara: «Stiamo pensando di implementare le iniziative, puntando anche sul coinvolgimento delle studenti delle scuole della provincia che ci auguriamo possano partecipare alla prossima giornata».

A sottolineare la valenza dell'iniziativa anche Marcello Raimondi, sottosegretario alla Presidenza regionale: «La prevenzione del rischio idrogeologico di esondazioni ed allagamenti passa anche attraverso questa iniziativa. L'attività che fanno i volontari per la pulizia dei fiumi è fondamentale».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata