Domenica 28 Febbraio 2010

Pesca, la stagione apre in sordina
695 controlli, solo 14 gli illeciti

Numerosi pescatori da tutta la Lombardia si sono dati appuntamento alle prime luci dell'alba di domenica sulle sponde di fiumi e torrenti orobici per inaugurare la nuova stagione della pesca. Un piccolo esercito di appassionati - più piccolo del 2009, complice il brutto tempo e il blocco del traffico - provenienti da tutta la nostra provincia (sono ventimila i pescatori bergamaschi), ma anche da Milano e da Lecco. Un popolo formato in prevalenza da pensionati, anche se non manca qualche volto giovane.

E in occasione dell'apertura della pesca, la Polizia Provinciale di Bergamo ha predisposto numerosi servizi di prevenzione e controllo, operando sul territorio con 13 pattuglie in servizio sin dalle prime ore dell'alba. Con gli agenti della polizia provinciale hanno operato anche le guardie volontarie dell'Ente e dell'Associazione pescatori di Bergamo convenzionata FIPS-AS, con la quale è in atto già da diversi anni una collaborazione operativa.

«Si tratta di una proficua collaborazione tra Polizia Locale e mondo del volontariato» commenta l'Assessore alla Polizia Provinciale Fausto Carrara. In un'ottica di prevenzione e salvaguardia delle risorse ittiche sono attuati sul territorio servizi mirati alla tutela del patrimonio dei fiumi e torrenti della bergamasca. I servizi svolti oggi dalla Polizia Provinciale rappresentano solamente uno dei numerosi eventi volti al presidio dell'ambiente: dagli interventi durante i periodi di riproduzione ai ripopolamenti ittici, dal controllo del regolare deflusso minimo vitale alla prevenzione dei fenomeni di inquinamento. L'acqua e la fauna ittica rappresentano un bene prezioso che la Polizia Provinciale, responsabilmente, intende tutelare a fianco dei pescatori.

Nel corso della giornata sono stati effettuati un totale di 695 controlli e accertati 14 illeciti amministrativi, eseguiti 3 sequestri di fauna ittica e nessun sequestro di mezzi di pesca. Le temperature fredde della prima mattinata, che probabilmente hanno contribuito a gelare il Lago di Carona e i probabili timori legati ai divieti di transito in alcuni comuni per il blocco del traffico, hanno proporzionalmente portato ad una presenza minore di pescatori rispetto alla giornata di apertura pesca dello scorso anno.

Nonostante ciò il pescato è stato ottimo sul lago di Cassiglio, e costante anche nella Val Taleggio, Val Serina e bassa Valle Brembana. Sufficiente la presenza di pescatori in alta Valle Brembana e nella zona della bassa Valle Seriana. Il pescato è stato comunque buono su tutto il territorio con una forte concentrazione nei campi fissi di gara e nelle zone oggetto delle semine ittiche effettuate dalla Provincia di Bergamo nei giorni precedenti.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo del 1° marzo

k.manenti

© riproduzione riservata