Martedì 02 Marzo 2010

Asse interurbano da incubo
72 mila veicoli in un giorno

Qualcosa come 72.000 veicoli: sono quelli che transitano ogni giorno lungo l'Asse interurbano. Una cifra che rende l'idea del traffico che ogni giorno interessa l'arteria che attraversa la città e che si aggiudica la maglia nera nella classifica delle strade provinciali più trafficate della Bergamasca.

Strade da incubo, da tutti in coda, sperando almeno che fili tutto liscio e non ci siano intoppi o incidenti. Almeno stando ai dati di uno studio di rilevamento del traffico registrato dagli uffici di via Tasso relativi al 2008. Dai dati forniti da una centralina mobile installata dalla Provincia (quella fissa che non è più funzionante e dovrà essere sostituita) risulta che l'Asse interurbano è percorso ogni giorno da 36.000 veicoli per senso di marcia.

Un primato, fortunatamente difficile da eguagliare per le altre strade provinciali. Nella classifica delle strade più trafficate, infatti, a conquistare il secondo posto è la provinciale 35, in territorio di Torre Boldone. Ma i veicoli che ogni giorno transitano sulla Bergamo-Nembro, sono più o meno la metà di quelli registrati sull'Asse: qui la centralina fissa, infatti, registra un traffico medio giornaliero pari a 37.201 veicoli, per un totale annuo che supera 13 milioni e 570 unità.

Si tratta comunque di un numero inferiore rispetto a quello del 2007 quando, invece, transitavano in media 4.000 veicoli in più al giorno: «Con l'apertura della galleria di Montegrone avvenuta a inizio 2008 - spiega il dirigente del settore Viabilità di via Tasso, Renato Stilliti - il traffico si è ridotto e non escludiamo che possa diminuire ulteriormente per via dell'entrata in funzione del tram. Ipotesi, però, ancora tutta da verificare e che potrà essere confermata o smentita solo quando avremo a disposizione i dati relativi al 2009».

E l'effetto superstrada fa sentire i suoi effetti, soprattutto in Valle Seriana. I dati forniti dal Comune di Nembro, infatti, confermano una diminuzione del traffico grazie all'apertura della Montenegrone, che ha provocato un abbattimento del 55% del traffico sulla provinciale 35, con un passaggio da 50.000 a 21.000 veicoli in transito sul territorio comunale.

Per quanto riguarda invece l'Asse interurbano qualche riduzione potrebbe verificarsi solo con il completamento della Tangenziale Sud, ma per verificare l'effettiva diminuzione bisognerà ancora pazientare. Il primo tratto tra Treviolo e Stezzano sarà inaugurato a fine mese, ma rimangono da realizzare il tratto Zanica-Stezzano e la riqualificazione del tratto Treviolo-Paladina, per cui dovrebbero essere appaltati i lavori entro l'anno.

Per saperne di più leggi L'Ecp oggi in edicola

m.sanfilippo

© riproduzione riservata