Lunedì 29 Marzo 2010

Giunta provinciale: provvedimenti
per minori, immigrati e formazione

La Giunta Provinciale ha deliberato l'approvazione dello schema di Convenzione tra la Regione Lombardia, le Province lombarde e la Fondazione Ismu (Iniziative e Studi della Multietnicità) per assicurare continuità alle attività degli osservatori provinciali sull'immigrazione.

La convenzione assicura alla Provincia di Bergamo la somma annuale di 25.000 euro per un totale di 125.000 euro nei prossimi cinque anni. La durata quinquennale dell'accordo consente alle amministrazioni di non dover produrre ogni anno un atto deliberativo, ma solo un piano di attività annuale.

Sarà infatti l'Osservatorio provinciale – Area immigrazione del settore Politiche sociali e Salute della Provincia di Bergamo - a definire gli approfondimenti quanti-qualitativi sui fenomeni e le realtà migratorie cui dedicarsi, oltre a quelli decisi dall'ORIM (Osservatorio Regionale per l'Integrazione e la Multietnicità), cui deve attribuire comunque priorità. Entrambi saranno recepiti attraverso l'approvazione del Piano delle attività annuale.

ACCORDO PER I MINORI
Approvato dalla Giunta anche l'accordo operativo tra le Province di Brescia, Bergamo, Cremona e Mantova, il Comune di Brescia e il Centro Giustizia Minorile per la Lombardia. Alla luce delle valutazioni positive dell'attività svolta in questo biennio dall'Ufficio per la mediazione penale Minorile rispetto alle situazioni inviate dalla Procura della Corte d'Appello di Brescia e dei costanti contatti intercorsi tra le realtà coinvolte, la Provincia ha ritenuto necessario procedere a consolidare l'attività dell'Ufficio con l'accordo operativo.

L'Ufficio per la Mediazione Penale Minorile, che svolge la sua attività nel Distretto della Corte d'appello di Brescia, opera in via sperimentale dal marzo 2008 grazie ai fondi regionali che ne hanno sostenuto il progetto, coinvolgente anche la realtà di Bergamo, per la durata di un biennio. La Provincia di Bergamo collabora da tempo con l'Ufficio di Servizio Sociale Minorenni di Brescia e il Centro Giustizia Minorile di Milano per l'attuazione di progettualità sia specifiche riguardo al penale minorile, sia nell'area degli interventi di prevenzione/promozione, in particolare per l'attuazione della legge 285/97, rivolti agli adolescenti.

PIANO FORMATIVO
La Giunta Provinciale ha deliberato la proposta di Piano Formativo 2010 da trasmettere in Regione per il relativo finanziamento.
La proposta di Piano formativo prevede la realizzazione di 24 progetti formativi che ricomprendono 44 iniziative tra corsi, seminari e attività laboratoriali per circa 1000 ore di formazione rivolte prevalentemente agli operatori dei servizi dell' area famiglia, minori e giovani, anziani, disabili, nuove e vecchie povertà, immigrazione, politiche sociali, profili professionali e salute.

Gli operatori coinvolti sono stati circa 4000. Per molti dei corsi sono riconosciuti i crediti formativi (ECM, Formazione Continua Assistenti sociali e l'attestato di partecipazione).
Il costo complessivo previsto ammonta a 215.500,00 euro di cui si prevede che la Regione Lombardia possa coprire il 76% della spesa, mentre il restante 24% sarà a carico del bilancio provinciale.

k.manenti

© riproduzione riservata