Sabato 17 Aprile 2010

Travolto da un treno a Cividino
Muore imprenditore di 39 anni

E' morto travolto da un treno mentre attraversava i binari in una zona lontana dal passaggio a livello di Cividino. Vittima Danilo Vavassori, imprenditore 39enne di Sarnico, che venerdì sera insieme alla moglie e al figlio di 4 anni è andato a Palazzolo a trovare i suoceri.

Dopo cena è uscito per fare una camminata nella zona al confine tra Palazzolo e Castelli Calepio. Alle 21.45, arrivato nella frazione di Cividino, in una zona residenziale, secondo la ricostruzione degli agenti della Polfer ha attraversato i binari in un punto poco illuminato, lontano dal passaggio a livello, senza accorgersi che stava arrivando un treno.

Il macchinista si è accorto dell'uomo, ha frenato ma non è riuscito a evitare l'impatto. Danilo Vavassori è morto sul colpo. Subito è scattato l'allarme e sono intervenute le ambulanze del 118 e gli agenti della polizia ferroviaria. La salma del 40enne è stata composta nella camera mortuaria dell'ospedale di Palazzolo e il magistrato ha già rilasciato il nullaosta alla sepoltura.

La data dei funerali, che si svolgeranno a Telgate, paese d'origine di Vavassori, non è ancora stata stabilita. L'uomo era socio con il fratello di una ditta di accessori per abbigliamento, con una sede a Telgate e una a Chiuduno.

Appassionato di sport, era un personaggio noto nel calcio provinciale bergamasco: aveva giocato come attaccante soprattutto nel Bolgare, club al quale era rimasto legato diversi anni, ma lo ricordiamo pure nella Romanese, nella Nuova Chiuduno, nel San Paolo d'Argon e nella Forza e Costanza. Quest'anno giocava ancora: nel Grumello in Terza categoria, squadra prima in classifica.

k.manenti

© riproduzione riservata