Lunedì 03 Maggio 2010

«Non bevi? Ti ricarico il cellulare»
Un freno alle sbronze dei giovani

Uniti contro l'abuso di alcol da parte dei giovani: i Comuni di Castro, Costa Volpino, Lovere e Sovere hanno deciso di fronteggiare insieme il problema, avviando il «Progetto notte», affidato alla cooperativa Arké di Grumello. Operatori ed educatori organizzeranno otto serate, fino a settembre, durante le quali cercheranno di avvicinare i ragazzi per spiegar loro i rischi legati alle sbronze e alla perdita del controllo di sé.

Gli «under 18» potranno vincere una ricarica per il loro cellulare se dimostreranno di non aver bevuto nulla, almeno per quella sera, mentre chi non vorrà partecipare al gioco potrà almeno sottoporsi al test dell'etilometro e verificare quanto incida una birra, un bicchiere di vino o un cocktail sulla propria lucidità.

Se un ragazzo decide di partecipare al gioco può vincere una ricarica da 10 euro per il suo telefonino dimostrando, alla fine della serata sottoponendosi al test dell'etilometro, di avere un grado alcolico pari a zero. Se invece ha bevuto, ma si mantiene nei limiti previsti dalla legge, la ricarica sarà pari a 5 euro. Le serate si terranno al porto turistico di Lovere, davanti ad alcuni locali di Costa Volpino, alla «Sagra del casoncello» a Castro e al Parco Silvestri di Sovere. Prossima tappa del «Progetto notte», il 15 maggio a Sovere.

e.roncalli

© riproduzione riservata