Mercoledì 19 Maggio 2010

«Parco dello sport senza stadio?»
Le minoranze vanno all'attacco

«Avevate capito che il progetto di Parco dello Sport dell'Amministrazione Tentorio fosse imperniato sulla costruzione del nuovo stadio di calcio?». A chiederlo sono i Gruppi Consiliari a Palazzo Frizzoni di Lista Bruni, PD, IdV, Verdi. «La novità degli ultimi giorni - rilevano - è che il progetto “potrebbe” esistere anche senza la sua struttura principale, lo stadio appunto. Sarà anche un'ipotesi, ma questo si deduce dal condizionale usato dall'assessore Pezzotta in Commissione urbanistica e in Consiglio comunale. A furia di giocare sui modi verbali, non si capisce più nulla. Abbiamo sempre ritenuto sbagliato in toto sacrificare una consistente porzione del Parco Agricolo a Sud della città (350.000 metri quadri di campagna) per la realizzazione di tale Parco dello Sport, ma certamente ci sembra ancora più assurdo che tale intervento possa concretizzarsi anche in assenza del nuovo stadio».

«Gli altri possibili impianti sportivi di completamento - continua un comunicato firmato dai gruppi consiliari - sono già previsti dal Piano di Governo del Territorio in diverse zone della città, secondo valutazioni ponderate. Le pesanti ricadute sul territorio sono un prezzo molto alto da pagare, come testimoniano la forte protesta dei residenti di Grumello del Piano e le dure prese di posizione delle Amministrazioni comunali dei Comuni limitrofi di Lallio, Stezzano, Treviolo, Dalmine e Osio Sopra (molti dei quali amministrati dalla Lega e dal centrodestra). Oggi scopriamo che tale sacrificio territoriale potrebbe anche non risolvere il decennale problema del nuovo stadio, per il quale servirebbero soluzioni concordate con il coinvolgimento dei Comuni della Grande Bergamo, snobbata da Tentorio».

Da ultimo i gruppi chiedono all'Amministrazione di «scoprire le carte una volta per tutte e di rivelare se il proprio intento sia quello di realizzare qualcosa in questa porzione di campagna a prescindere. Vorremmo sapere se i volumi commerciali annessi e connessi alla realizzazione del Parco dello Sport sono diventati la ragione principale del progetto. Vorremmo sapere, ad un anno dalle elezioni, se esiste qualche informazione e qualche cifra certa sulla una delle trasformazioni urbanistiche più pesanti proposte negli ultimi decenni, senza che la discussione sia sempre rimandata ad un futuro indefinito. Per una volta l'Amministrazione dia i numeri, in senso buono. Siamo forse di fronte alla possibilità di avere il nuovo stadio senza stadio?».

e.roncalli

© riproduzione riservata