Martedì 13 Luglio 2010

Operaio precipita da 13 metri
È in prognosi riservata a Brescia

Un operaio di Madone è ricoverato in gravi condizioni agli Spedali Civili di Brescia dopo un volo di 13 metri dal tetto di un capannone, su cui stava lavorando. È accaduto martedì a Piancamuno, al confine con il Comune di Rogno. Paolo Pedruzzi, 27 anni, stava lavorando sul tetto dello stabilimento quando all'improvviso è precipitato nel vuoto, piombando pesantemente a terra.

È accaduto attorno alle 11,30 di martedì mattina in via Puccini, nella sede della ditta «Fratelli Piali». I titolari dell'azienda, specializzata nel settore del commercio di rottami, delle demolizioni industriali e nella lavorazione di lamiere, avevano deciso di installare sul tetto del loro capannone un nuovo impianto fotovoltaico, affidandone la realizzazione alla ditta «Com.Italf» di Telgate. Per questo ieri mattina a Piancamuno stava lavorando una squadra di operai della ditta telgatese: i dipendenti erano impegnati nell'allestimento del cantiere, per cominciare a posare le barriere di sicurezza attorno al tetto del capannone e installare gli altri dispositivi anticaduta.

Per salire sul tetto, utilizzavano un cestello elevatore che porta gli operai fino alla sommità del capannone: dal cestello poi uscivano e si muovevano sulla copertura dello stabilimento. Mentre stava lavorando, il 27enne di Madone però, all'improvviso e per cause ancora in corso di accertamento, è precipitato nel vuoto, cadendo da un'altezza di circa 13 metri all'interno dello stabilimento.

I colleghi di lavoro hanno immediatamente lanciato l'allarme, allertando il 118: sul posto sono quindi arrivate un'autoambulanza dell'associazione Santa Maria Assunta di Pisogne e l'eliambulanza decollata da Brescia. Il giovane operaio di Madone è stato così soccorso e portato d'urgenza ai Civili di Brescia, dov'è stato ricoverato in un reparto di rianimazione. Le sue condizioni sono critiche e la prognosi rimane riservata.

t.mirabile

© riproduzione riservata