Martedì 27 Luglio 2010

Turismo religioso in Bergamasca
Operatori a confronto alla Fiera

Il 24 e 25 settembre, alla fiera di Bergamo, in via Lunga, avrà luogo la manifestazione fieristica «Il cammino dello spirito - Luoghi e Percorsi», organizzata da Geco Plan srl in collaborazione con il Gruppo editoriale Viator e che si pone un duplice obiettivo: favorire la diffusione del turismo religioso e offrire un prezioso contributo per alimentare il dialogo interreligioso e interculturale. L'iniziativa gode del patrocinio della diocesi di Bergamo e del benestare dell'ufficio nazionale per la Pastorale dello sport, del turismo e del tempo libero della Conferenza episcopale italiana.

È lo stesso don Giorgio Tironi, direttore dell'ufficio per la Pastorale dei turismo, sport e tempo libero della diocesi di Bergamo a sottolineare l'importanza della prossima manifestazione: «Siamo di fronte a una splendida opportunità che favorirà la conoscenza e la valorizzazione del nostro territorio, estremamente ricco di offerta turistica religiosa». Anche Luigi Trigona, segretario generale di Ente Fiera Promoberg, è fiducioso: «Oggi i viaggiatori di fede non si rivolgono solo alle classiche mete, ma a tutte quelle manifestazioni storico-religiose che si coniugano con la qualità dell'accoglienza. Un'offerta articolata favorisce una permanenza più lunga nei luoghi di culto con risvolti economici interessanti per i singoli territori. Il cammino nei luoghi di fede è vissuto come una ricerca a tutto tondo. Se in passato erano soprattutto i fedeli a mettersi in viaggio, oggi il pellegrinaggio è una risorsa per tutti: giovani, laici, non credenti attratti dal fascino del sacro ma anche dalla storia, dall'arte, dall'archeologia. A Bergamo, accanto ai luoghi più tradizionali come il Duomo e la Cappella Colleoni, si collocano tra le mete di culto più visitate il Santuario di Caravaggio e Sotto il Monte Giovanni XXIII, con la casa e i luoghi natali del grande Papa bergamasco».

L'iniziativa trae spunto dalla lievitante domanda di pellegrinaggi: i dati di sviluppo del turismo religioso sono confortanti per il settore che vede oltre 300 milioni di viaggiatori all'anno che generano un fatturato mondiale di circa 18 miliardi di dollari oltre al conseguente consistente indotto. Il mercato nazionale ha goduto di un incremento di circa il 20% con un giro d'affari di 4 miliardi di euro e di una de-stagionalizzazione dei flussi turistici che ha avuto il merito di equilibrare la presenza degli ospiti nei vari periodi dell'anno.

Momento centrale della manifestazione sarà il convegno dal titolo suggestivo: «Verso Gerusalemme… oltre Gerusalemme. Alla ricerca di nuove mappe». Sarà nella mattinata di sabato 25 ottobre e vedrà la partecipazione di rappresentanti della cultura e delle religioni cattolica, islamica ed ebraica.

e.roncalli

© riproduzione riservata