Lunedì 09 Agosto 2010

Bonate Sopra, rotto un giunto sull'Asse
Da un mese chiuso un tratto della corsia

Da circa un mese e mezzo un tratto della corsia di destra dell'asse interurbano in territorio di Bonate Sopra è chiuso al transito degli autoveicoli, con inevitabili disagi e code negli orari di punta, in special modo il mattino, all'ingresso dalla rotatoria di Bonate Sopra. Il tratto interessato, in direzione Bonate Sopra-Bergamo, che è stato chiuso al traffico inizia verso metà galleria San Roberto e fino all'imbocco del ponte sul fiume Brembo, per oltre un chilometro. Molte le lamentele degli utenti della strada che, dovendo subire le code per recarsi al lavoro ogni mattina, si chiedono il perché di questa chiusura.

In questi giorni è iniziato un tam-tam mediatico anche su Facebook da parte di giovani utenti che parlano di questo disagio e dicono di non vedere operai al lavoro sulla strada o qualcosa che faccia capire che sono previsti lavori di manutenzione. «Il giunto di dilatazione presente tra il varco del ponte e la sponda ha subito una rottura per il continuo passaggio degli autoveicoli sulla corsia di destra, dove transitano prevalentemente i mezzi pesanti – riferiscono dal comando di polizia locale di Bonate Sopra –. Alcuni camionisti ci hanno segnalato questo inconveniente; la rottura delle parti in gomma ed acciaio del giunto di dilatazione aveva creato una fenditura di oltre una ventina di centimetri e nel passaggio degli autoveicoli avvertivano brutalmente il colpo».

Da un mese e mezzo quindi la corsia è stata chiusa per la sicurezza degli utenti della strada ma l'intervento di sostituzione della parte del giunto rotto non è mai iniziato. Proprio per questo i cittadini protestano. «L'ufficio preposto della Provincia di Bergamo ci ha risposto che la sistemazione è di competenza dell'Anas – spiegano dalla polizia locale di Bonate Sopra –. Siamo in attesa che inviino i tecnici, con l'accortezza che lo facciano in questo periodo di ferie, prima della fine di agosto, perché dopo riprenderanno le normali attività produttive e avere una corsia chiusa dell'asse interurbano significa code e gravi disagi su tutta la viabilità locale».

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 9 agosto

fa.tinaglia

© riproduzione riservata