Lunedì 04 Ottobre 2010

Si allarga lo «sciopero delle gite»
Partecipa anche il «Mascheroni»

Anche il Liceo scientifico Mascheroni di Bergamo partecipa allo «sciopero delle gite». A comunicarlo l'assemblea sindacale dei docenti della scuola che ha affisso in bacheca un documento nel quale dichiara: «I docenti, riuniti in assemblea sindacale, dopo aver dichiarato il profondo disagio per le condizioni in cui versa la scuola (continui tagli di risorse e di personale, penalizzazione degli stipendi nella finanziaria) decidono di esprimere il loro dissenso attraverso il blocco delle visite e dei viaggi d'istruzione in Italia e all'estero e il blocco del ricevimento pomeridiano dei genitori, mantenendo le ore di ricevimento mattutino.

Si allarga quindi lo «sciopero delle gite» dei docenti senza diaria: dopo il Secco Suardo, l'Amaldi di Alzano e il Belotti di Bergamo, anche i docenti del Mascheroni si rifiutano di accompagnare i ragazzi all'estero o in uscite oltre l'orario scolastico. I docenti del liceo scientifico hanno votato questa scelta ad ampia maggioranza nel corso di un'assemblea sindacale che ha visto la aprtecipazione di 69 docenti. È stato poi redatto un documento nel quale «invitano i consigli di classe a fare proprie tali decisioni, da motivare a genitori e alunni, così da evitare antipatici conflitti interni».

Le ragioni della decisione stanno nel crescente disagio e grave preoccupazione dei docenti a fronte dei tagli degli organici e delle altre misure che, secondo i docenti, determinano un impoverimento della scuola pubblica. «La protesta è condivisa dai docenti di altre scuole - si legge nel comunicato dell'assemblea - e mira a dare visibilità e rispetto al nostro lavoro e alle nostre responsabilità, spesso ignorate».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata