Domenica 28 Novembre 2010

Tv, il blackout per il digitale
durerà ancora qualche giorno

Da venerdì mattina, fra canali che spariscono o il segnale che non arriva, in alcune case è vera e propria «emergenza digitale». Gli antennisti bergamaschi sono letteralmente sommersi di telefonate - in una situazione non definitiva e in continuo aggiornamento sui ripetitori che perdurerà fino a settimana prossima - e non possono far altro che tamponare l'emergenza: intervengono nel tentativo di garantire almeno Rai e Mediaset promettendo di ripassare nelle prossime settimane, quando la situazione si stabilizzerà definitivamente.

Aggiornare i decoder, informarsi, chiedere aiuto però non basta. Gli addetti ai lavori sono chiari: «Ci vuole pazienza», perché i tecnici non possono arrivare ovunque e i problemi coinvolgono un po' tutti: chi più e chi meno. Sia chiaro: anche aggiornando il decoder non si può pretendere che tutto funzioni. I tecnici del digitale terrestre stanno ancora lavorando su frequenze e ripetitori.

Gli antennisti, quindi, chiedono uno sforzo soprattutto alle persone che con queste nuove tecnologie hanno poca dimestichezza. L'appello è di chiamare solo per giustificate difficoltà (assicurarsi quindi di aver almeno sintonizzato il decoder, che è il primo passo per poter accedere alla tv digitale) prima di chiamare i tecnici, che tra l'altro stanno facendo gli straordinari per venire incontro a tutte le esigenze e lavoreranno anche domenica. 

Situazione complicata per quelle case dove il segnale digitale terrestre non arriva proprio e dopo l'aggiornamento del decoder è in grado solo di dare un messaggio: «segnale assente». È soprattutto su questi casi che stanno intervenendo gli antennisti bergamaschi. Interi condomini - con diversi appartamenti interessati - che non vedono nulla.

Prima di contattare un antennista si può comporre il numero del ministero dello Sviluppo economico 800-022.000. Per avere informazioni tramite Internet si può digitare il sito www.decoder.comunicazioni.it o il sito www.dgtvi.it.

Leggi di più su L'Eco di domenica 28 novembre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata