Domenica 26 Dicembre 2010

Dopo l'instabilità di domenica 26
lunedì e martedì sereno ma freddo

Dopo la giornata instabile di domenica 26 dicembre, tornerà il sereno sui cieli bergamaschi il 27 e 28 dicembre. Lombardia protetta dall'alta pressione. Ma ci sarà anche un ritorno del grande freddo con gelate anche a basse quote.

DOMENICA 26 DICEMBRE
È un Santo Stefano ancora all'insegna dell'instabilità sulla Lombardia a causa della persistenza di una depressione alimentata da aria fredda balcanica, con deboli fenomeni, specie sulle basse pianure, nevosi prima fino a 300/400 metri, poi dal tardo mattino spesso fino in pianura, seppure con scarsi accumuli. Accumuli fino a 10-15 centimeri su prealpi bergamasche e lecchesi oltre i 500 metri. Più asciutto su Alpi con qualche schiarita dal pomeriggio. Dalla sera-notte tornano cieli sereni ovunque. Clima freddo, per venti balcanici da NE.

LUNEDI' 27 DICEMBRE
Sulla Lombardia affluiscono correnti fredde ma asciutte dai quadranti settentrionali. Sarà una giornata con cieli sereni nel Bergamasco con invece nebbia o nubi basse in pianura, a tratti persistente, su Lomellina, Milanese, Lodigiano e Cremonese. In giornata transito di velature e strati sfilacciati, poco compatti. Temperature in ulteriore calo nei valori minimi, con diffuse e intense gelate, massime non oltre i 2 gradi in pianura. Zero termico diurno sotto ai 1000 metri.

MARTEDI' 28 DICEMBRE
La Lombardia sarà protetta da un campo di alta pressione che garantirà cieli sdereni nel Bergamasco. Tuttavia da ovest si faranno strada correnti più miti e umide, che favoriranno addensamenti sparsi, in prevalenza alti e sfilacciati, più compatti sulle alpi confinali Retiche, ma non associati a fenomeni. Tra sera e notte nubi più dense in risalita da SO sulle pianure. Da segnalare ancora banchi di nebbia in pianura nelle ore più fredde. Temperature in rialzo in alta quota, ancora freddo in pianura e nei bassi strati in genere, con minime sotto zero (punte di -6 gradi in aperta campagna) e massime tra 2 e 4 gradi.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata