Lunedì 27 Dicembre 2010

«Beato Giovanni XXIII» e «Bernareggi»
Le fondazioni diocesane si rinnovano

In questi giorni hanno ripreso le loro attività due fondazioni della diocesi di Bergamo che sono impegnate in importanti attività culturali. Di ambedue sono stati rinnovati consiglio di amministrazione e presidenza. Si tratta della fondazione «Beato Giovanni XXIII» e della fondazione «Adriano Bernareggi».

La fondazione «Beato Giovanni XXIII» cura la memoria della straordinaria figura di papa Roncalli e, in particolare, la catalogazione e lo studio dei manoscritti che Papa Giovanni ha lasciato al seminario vescovile di Bergamo. La fondazione riprende le sue attività, dopo un periodo di pausa.

Il presidente del consiglio di amministrazione è Marco Roncalli, giornalista e scrittore. Direttore è don Ezio Bolis, docente in seminario. Il Comitato Scientifico è diretto da mons. Goffredo Zanchi, docente in seminario.

Fanno parte del consiglio di amministrazione, oltre a Marco Roncalli e a don Ezio Bolis: mons. Pasquale Pezzoli, rettore del seminario, il dottor Giuseppe Giovanelli, direttore amministrativo dell'università di Bergamo, il prof. Franco Pizzolato dell'Università Cattolica di Milano, il prof. Luigi Roffia, provveditore agli studi, il notaio Armando Santus. Del comitato scientifico fa parte, oltre a mons. Zanchi, anche il dott. Orazio Bravi, già direttore della biblioteca civica.

La fondazione «Adriano Bernareggi» cura il «museo diocesano» e il «centro Nicolò Rezzara» che promuove varie attività culturali. Il presidente del consiglio di amministrazione è il dott. Federico Manzoni. Vicepresidente è la prof.ssa Tecla Rondi.

Fanno parte del consiglio di amministrazione il commercialista Paolo Bellini, il docente universitario Ivo Lizzola, il sig. Bruno Fratus, don Diego Tiraboschi, direttore dell'ufficio beni culturali della diocesi. Il consiglio di Amministrazione, nella sua prima riunione del 22 dicembre, ha approvato la nomina a segretario generale della fondazione di don Giuliano Zanchi, che era già, in precedenza, direttore del museo diocesano.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata