Lunedì 27 Dicembre 2010

Motivazioni della sentenza Ganzer
Il generale si accordò con trafficanti

«Il generale Gianpaolo Ganzer non si è fatto scrupolo di accordarsi con pericolosissimi trafficanti ai quali ha dato la possibilità di vendere in Italia decine di chili di droga garantendo loro l'assoluta impunità. Ganzer ha tradito per interesse lo Stato e tutti i suoi doveri tra cui quello di rispettare e fare rispettare la legge».

Con queste parole i giudici del Tribunale spiegano perché il 12 luglio scorso condannarono il capo del Ros dei carabinieri Gianpaolo Ganzer a 14 anni di reclusione per traffico internazionale di droga in riferimento a operazioni sotto copertura.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata