Domenica 09 Gennaio 2011

Bergamo capitale del giornalismo
Dal 9 al 15 giornalisti a congresso

Dopo vent'anni, il Congresso nazionale della Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi) torna in Lombardia. E ha scelto Bergamo per il suo 26° appuntamento, che si terrà al Centro congressi Giovanni XXIII. Per una settimana, dal 9 al 15 gennaio, Bergamo ospiterà giornalisti in rappresentanza di tutte le realtà del mondo editoriale italiano, dai network radiotelevisivi nazionali pubblici e privati all'emittenza locale, dalla carta stampata quotidiana e periodica alle agenzie stampa e ai siti online. Dal 9 al 10 si svolge il 5° Congresso dell'Unione nazionale giornalisti pensionati (Ungp) e dall'11 il 26° Congresso Fnsi.

Si attendono circa 480 partecipanti tra delegati delle associazioni territoriali, cariche politiche nazionali e personalità del mondo della comunicazione e dell'editoria. Martedì 11, al mattino, convegno d'apertura al Centro congressi sul tema: «Giornalismo e editori in linea diretta con il futuro». Interverranno Carlo De Benedetti (L'Espresso), Fedele Confalonieri (Mediaset), Piergaetano Marchetti (Rcs Mediagroup), Jean Martin (Società dei lettori di Le Monde), Aidan White (International federation of journalist), Franco Siddi e Roberto Natale (entrambi Fnsi), intervistati da Stefano Folli e Tiziana Ferrario, rispettivamente editorialista del Sole 24 Ore e giornalista del Tg1. I lavori del congresso Fnsi cominceranno subito dopo, per terminare a fine settimana con le elezioni di presidente e Consiglio nazionale.

Per Bergamo il Congresso Fnsi è un'importante vetrina. Tra le diverse città candidate per ospitare il congresso, il capoluogo orobico ha avuto la meglio grazie al gioco di squadra delle istituzioni e alla cooperazione tra pubblico e privato. Sono scesi in campo Provincia, Comune, Camera di Commercio a fianco del Bergamo convention bureau – qualificata associazione no profit specializzata nel settore organizzativo di meeting, congressi, eventi e iniziative promozionali – che si è occupato di predisporre e promuovere la candidatura mettendo in luce le potenzialità e il «parco congressuale» di Bergamo oltre alle risorse in termini di patrimonio culturale e architettonico. Soddisfazione tra i rappresentanti istituzionali. Il presidente della Provincia, Ettore Pirovano sottolinea come per Via Tasso, istituzione che «crede fortemente nella comunicazione», sia «un privilegio il fatto che proprio Bergamo possa ospitare un congresso di tale rilevanza». Pirovano sottolinea il «fascino indiscusso» di Bergamo, «la facilità d'accesso grazie all'aeroporto di Orio, all'autostrada e alla ferrovia» e lo sforzo delle istituzioni locali per aprirsi a prospettive internazionali. Anche il sindaco di Bergamo, Franco Tentorio, si dice «felice» per la scelta della Fnsi e sottolinea l'importanza della collaborazione tra istituzioni territoriali e associazioni specializzate nel settore congressuale. Il congresso dei giornalisti – dice il sindaco – «sarà un'ulteriore occasione di visibilità per Bergamo e la città è pronta per mobilitarsi. Per una buona riuscita è indispensabile un gioco di squadra tra istituzioni, coadiuvate da un connettore privato e specializzato nel gestire l'organizzazione».

Per il presidente delle Camera di commercio, Giovanni Paolo Malvestiti, «in questi ultimi anni le principali istituzioni locali, insieme alle associazioni di categoria, hanno operato in modo sinergico per realizzare le condizioni necessarie a promuovere Bergamo come sede idonea e qualificata ad ospitare eventi nazionali e internazionali di grande rilievo». È la strada, questa, per una reale promozione del territorio che ha offerte d'eccellenza a 360 gradi.

r.clemente

© riproduzione riservata