Giovedì 10 Febbraio 2011

Più sicurezza sui pullman Atb
Al via i pattugliamenti della polizia

La polizia locale a presidio del territorio anche sulle linee dell'Atb. Dal prossimo mese di marzo gli agenti della polizia di Bergamo, Seriate e Dalmine, oltre a un gruppo di agenti della polizia provinciale, saranno impegnati in interventi di pattugliamento sui pullman dell'Atb che viaggiano sul territorio di Bergamo, ma anche Ponte San Pietro, Mozzo, Curno, Treviolo, Lallio, Dalmine, Seriate, Sorisole e Ponteranica.

A stipulare l'accordo il Comune di Bergamo insieme ad Atb e alle altre amministrazioni coinvolte, al fine di monitorare le linee con utenza più «debole» (anziani, bambini, persone che si dirigono nelle strutture sanitarie, ndr). «In questo modo anche a bordo degli autobus - ha dichiarato l'assessore alla Sicurezza di Palazzo Frizzoni Cristian Invernizzi - continuerà il servizio di presidio della polizia locale: il pullman non deve essere una zona franca». Un servizio che soddisfa anche Atb: «Questo è il primo caso che vede coinvolti più Comuni. In Italia per il momento questo servizio riguarda solo singole amministrazioni» ha detto Gianni Scarfone, direttore di Atb.

Il servizio vedrà quindi un pattugliamento a bordo degli autobus prioritariamente lungo due direttrici della rete: Nord/Sud ed Est/Ovest. Queste le linee evidenziate: la linea 8 da Seriate a Ponte San Pietro (che coinvolge queste zone sensibili: cimitero, ortomercato, ospedale, Sert, stazione autolinee, Porta Nuova e il policlinico di Ponte San Pietro); la linea 2 dal Don Orione a via Gandi (ospedale, Porta Nuova, l'ospedale e il cimitero); la linea 9 dalla Marigolda a Sorisole (ospedale, Porta Nuova) e la linea 5 dalla stazione autolinee a Dalmine.

Sono previsti complessivamente una quindicina di servizi di pattugliamento al mese, con iniziative specifiche e periodiche di prevenzione e controllo che saranno supportate anche dal persone di Atb sulle linee e nelle zone di maggiore criticità. Cosa ne pensi? Inserisci il tuo commento

fa.tinaglia

© riproduzione riservata