Giovedì 24 Febbraio 2011

Rogge bianche nella Bassa:
è caccia aperta all'inquinatore

Difficile pensare a un fenomeno naturale, almeno guardando le fotografie che ci ha inviato un nostro lettore dalla Bassa Bergamasca. Tanto che ora è caccia aperta all'inquinatore che ogni 15 giorni smaltisce sostanze per il momento non identificate nei corsi d'acqua.

La zona in cui sono state scattate le fotografie è quella fra Vidalengo e Pagazzano: qualcosa ha tinto l'acqua di bianco. Si tratta, secondo la polizia locale della zona, del terzo sversamento fra gennaio e febbraio. Già due volte gli agenti avevano inviato una notizia di reato all'autorità giudiziaria, il 27 gennaio e l'11 febbraio.

Per questo terzo episodio - che ha colorato l'acqua di bianco e blu - si sono mobilitate la polizia locale di Caravaggio, quella di Brignano (cui fanno capo anche i paesi di Lurano, Pognano e Castel Rozzone) e il Comando delle Terre del Serio.

Questa volta è stato richiesto anche l'intervento dell'Arpa, che ha effettuato prelievi di campioni che verranno sottoposti ad analisi per identificare la sostanza inquinante. Così si potrà più facilmente risalire all'autore. Per il momento le attenzioni si starebbero concentrando nella zona di Verdello e sul torrente Morletta, che potrebbe essere il punto di origine.


La lettera arrivata insieme alle fotografie
«Stamattina (giovedì 24 febbraio) mentre stavo correndo - ci scrive Andrea -  mi sono accorto che le rogge tra Vidalengo e Pagazzano avevano l'acqua di colore bianco. In allegato vi mando le foto scattate 2 ore dopo: l'acqua era un pò più diluita, ma rendono in ogni caso l'idea».

Se qualcun'altro ha notato in zona, o anche altrove, lo stesso fenomeno, può farcelo sapere cliccando sul tasto commenta, oppure inviando una email con qualche altra fotografia.

r.clemente

© riproduzione riservata