Domenica 13 Marzo 2011

Resta chiuso tutta notte nel cimitero
Anziano ritrovato la mattina in ipotermia

Brutta avventura per un anziano di 96 anni, rimasto chiuso per tutta la notte di venerdì all'interno del cimitero monumentale. Cesare Almagioni, residente in piazza Sant'Anna, è stato ritrovato solo la mattina successiva, in stato di ipotermia e con escoriazioni al capo. Sabato sera 12 marzo era ancora ricoverato ai Riuniti, dove i medici hanno preferito trattenerlo sotto osservazione, anche se dovrebbe essere ormai fuori pericolo. Con il clima ancora rigido di queste notti, poteva finire in tragedia. Rimane da capire come sia possibile che un visitatore possa rimanere chiuso per tutta la notte al cimitero senza che nessuno se ne accorga.

Tutto è iniziato nel pomeriggio di venerdì. Almagioni, nonostante l'età avanzata, è un uomo ancora in forze. Vedovo, vive nel suo appartamento con una badante. Proprio durante la momentanea assenza di quest'ultima l'uomo si è allontanato senza lasciare indicazioni su dove fosse diretto. Giunta l'ora di cena, vedendo che l'anziano non rincasava, la badante ha dato l'allarme e a quel punto i parenti hanno iniziato a cercarlo senza risultato. Nel frattempo sono state allertate le forze dell'ordine e la Protezione civile. «A un certo punto mi è venuto in mente che forse poteva essere andato al cimitero – racconta il genero Ivano Mostosi –. Il tempo di organizzare una squadra di ricerca e siamo andati a controllare».

Erano circa le 22,30. Ad aprire i cancelli, invece del custode reperibile del Comune (ancora da accertare come mai non sia stato avvisato), è stata una guardia giurata che ogni notte compie le ronde all'interno del camposanto. Il tentativo però è andato a vuoto.

Il mistero si è sciolto solo al mattino, quando i custodi del cimitero lo hanno trovato seduto a pochi passi dalla chiesa di Ognissanti. Prostrato dalla nottata all'addiaccio, sosteneva di essere stato in chiesa, ma i frati cappuccini escludono che sia possibile, perché l'edificio è dotato di allarme e nel caso di intrusione avrebbe suonato.

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 13 marzo

fa.tinaglia

© riproduzione riservata