Venerdì 18 Marzo 2011

Controlla gratis
lo stato dei pneumatici

A seguito del grande successo dell'iniziativa «Più aria meno benzina, più sicurezza meno smog» lanciata a settembre 2010 da Comune di Bergamo, Assogomma e Federpneus, fino a luglio 2011 sarà possibile controllare, gratuitamente, lo stato dei propri pneumatici presso uno dei tanti rivenditori specialisti che hanno aderito all'iniziativa.

I gommisti aderenti esporranno la locandina «più aria meno benzina, più sicurezza meno smog» ed effettueranno a titolo completamente gratuito il controllo visivo dei pneumatici e il gonfiaggio. L'elenco completo dei gommisti aderenti è scaricabile dal sito www.pneumaticisottocontrollo.it

Fabio Bertolotti, direttore Assogomma: «Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto dall'iniziativa e della risposta dei cittadini. È infatti importante sottolineare che il 50% degli italiano viaggia normalmente con gomme sotto gonfiate e il 10% circa con gomme lisce. Questo è un problema sia in termini di ambiente e portafoglio sia in termini di sicurezza stradale».

«La pressione dei pneumatici è indicata sul libretto di uso e manutenzione della vettura ed è sempre auspicabile effettuare il controllo presso un rivenditore specialista che garantisce la taratura del manometro. La pressione di gonfiaggio inoltre deve essere misurata a freddo e non a caldo. Un pneumatico gonfiato alla giusta pressione evita uno spreco di carburante che può arrivare fino al 15% e di conseguenza ci sarà una riduzione di emissioni dannose nell'aria e un notevole risparmio per l'automobilista».

«Inoltre, viaggiare con pneumatici alla giusta pressione riduce il consumo non omogeneo dei pneumatici e ne allunga la vita. Anche in questo caso il beneficio è doppio: per il portafoglio dell'automobilista e per l'ambiente. La scolpitura minima per legge dei pneumatici vettura è di 1,6 mm, al di sotto di tale limite si è fuorilegge e sanzionabili dalle forze dell'ordine».

«La frenata di una vettura con pneumatici lisci rispetto ad una vettura con pneumatici in buono stato raddoppia in caso di pioggia, e questa può davvero essere la differenza tra causare o meno un incidente stradale».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata