«Conversazioni sul lavoro di cura»
Un incontro con la Provincia

Sabato 2 aprile alle 9 all'auditorium della Casa di riposo di Brembate di Sopra in via Papa Giovanni XXIII 4 la Provincia di Bergamo darà il via a una nuova edizione del Progetto Melograno «Conversazioni sul lavoro di cura».

«Conversazioni sul lavoro di cura» Un incontro con la Provincia

Sabato 2 aprile alle 9 all'auditorium della Casa di riposo di Brembate di Sopra in via Papa Giovanni XXIII 4 la Provincia di Bergamo darà il via a una nuova edizione del Progetto Melograno «Conversazioni sul lavoro di cura», un'iniziativa ormai consolidata rivolta alle assistenti familiari e non solo.

Un progetto che vede la Provincia impegnata a favore di chi assiste a domicilio le persone anziane, proponendo quest'anno una serie di incontri a cadenza settimanale su vari aspetti del lavoro di cura, che si terranno fino al mese di giugno 2011. Questo intervento viene programmato allo scopo di fornire alle assistenti familiari, ai familiari, ai volontari e a tutti coloro che sono interessati o coinvolti nel lavoro di cura, momenti strutturati di scambio sui temi fondamentali dell'assistenza.

«La formazione costituisce una leva importante per l'integrazione e la qualità della vita dell'anziano - sottolinea l'assessore Domenico Belloli -. La qualità della cura non è solo nell'adeguatezza delle prestazioni, nel rispetto degli standard prescritti o nell'applicazione puntuale di protocolli, è nella percezione delle persone che ricevono, soprattutto, ascolto, accoglienza e benevolenza».

L'aspetto caratteristico di questa proposta è la libertà di partecipazione: non viene richiesta iscrizione né la frequenza tassativa a tutti gli incontri. Da qui il richiamo al Melograno, un unico frutto che racchiude tanti semi. Le conversazioni, della durata di tre ore, prevedono lo scambio e il contributo delle esperienze delle assistenti familiari e delle altre persone presenti; verranno condotte da operatori professionali competenti e adotteranno una metodologia attiva di apprendimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA