Mercoledì 25 Maggio 2011

Trescore, ucciso dall'imballatrice
muore un agricoltore di 52 anni

Tragico infortunio sul lavoro a Trescore Balneario, in via Minardi 78. È successo alle 16,40 di mercoledì 25 maggio. Un contadino del posto, Pierluigi Terzi di 52 anni, è morto ucciso da una macchina imballatrice. Una fine atroce.

Sul posto il 118, intervenuto in codice rosso con un'automedica e l'elisoccorso, i carabinieri, i vigili del fuoco e l'Asl.

L'infortunio è successo intorno alle 16,40: Pierluigi Terzi stava lavorando con trattore modello Same e rimorchio, per conto del proprietario del terreno. Ma all'improvviso qualcosa non ha funzionato nella macchina agricola: il 52enne è uscito dall'abitacolo del trattore per avvicinarsi al rimorchio.

Stando a una prima ricostruzione, avrebbe voluto rimetterlo in funzione ma senza spegnere il macchinario. Pierluigi Terzi avrebbe tentato di rimettere in moto gli ingranaggi che si erano inceppati, facendo leva con un piede. Ma il movimento gli è stato fatale: la macchina all'improvviso lo ha trascinato all'interno. È morto per le numerose ferite da schiacciamento riportate su tutto il corpo.

A dare l'allarme è stato un agricoltore che stava lavorando in un terreno in via Minardi, poco distante da quello in cui è accaduta la tragedia.

Sono subito arrivati i soccorsi, ma per il 52enne intrappolato nell'imballatrice non c'era più nulla da fare. La morte è stata praticamente immediata e atroce. Sono stati i vigili del fuoco a liberare il corpo senza vita del contadino dalla morsa dell'imballatrice.

La salma è stata composta nella camera mortuariia dell'ospedale di Trescore.

Pierluigi Terzi, più conosciuto come Luigi, abitava in via Torre ed era sposato: lascia la moglie e due figli.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo in edicola giovedì 26 maggio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata