Lunedì 30 Maggio 2011

Agli esami 19mila bergamaschi:
tocca a terze medie e maturandi

Scatta il conto alla rovescia per i 19mila studenti bergamaschi che dovranno affrontare l'esame di terza media e quello di maturità.

A cominciare per primi sono gli oltre 11mila alunni di terza della scuola secondaria di primo grado (ex scuola media) che affronteranno le prove appena conclusi gli scrutini finali. Il 20 giugno si terrà lo scritto nazionale Invalsi, di italiano e matematica, alla quarta edizione e uguale in tutta Italia. Da quest'anno diventa obbligatorio il test scritto sulla seconda lingua straniera.

Per i 7.707 candidati di quinta superiore il via agli esami di Stato è il 22 giugno con lo scritto di italiano. Anche quest'anno l'esame di maturità prevede commissioni miste, composte, oltre che da un presidente esterno, da commissari che per il 50% provengono da un'altra scuola. Le commissioni per la maturità si potranno vedere dal 31 maggio sul sito dell'Ufficio scolastico, www.istruzione.lombardia.it/bergamo.

Com'è andata lo scorso anno nelle scuole di Bergamo e provincia? La percentuale di studenti non ammessi all'esame di maturità 2010 è stata pari al 4,76%, in lieve crescita rispetto al 4,6% del 2009. Crescono negli istituti statali dal 4,61% al 5%, mentre nelle paritarie i non ammessi sono diminuiti (dal 4,51% al 3,49%).

La percentuale degli studenti che hanno superato l'esame di maturità è salita dal 98,58% del 2009 al 98,91% del 2010: nelle statali dal 98,62% al 98,90%, nelle paritarie dal 98,32% al 98,97%. Gli studenti non ammessi all'esame di terza media edizione 2010 sono stati pari al 4,53%, come nel 2009: nelle statali sono cresciuti dal 4,64% al 4,82%, nelle paritarie sono diminuiti dal 2,74% al 2,19%.

Patrizia Graziani, dirigente dell'Ufficio scolastico territoriale di Bergamo (ex provveditorato), augura a tutti un buon esame: «Affrontate con la giusta energia e con motivazione quest'ultimo periodo di preparazione, evitando la corsa affannosa alle ultime conoscenze. Siete voi i protagonisti di questa nuova prova che la vita vi offre, a conclusione di un percorso che vi ha fatto crescere come persone e come cittadini». A tutti i ragazzi il nostro in bocca al lupo.

m.marzulli

© riproduzione riservata