Sabato 11 Giugno 2011

Yara, indiscrezioni da «Quarto Grado»
Riscontri positivi sui campioni di Dna

Ci sarebbero punti di somiglianza tra i profili genetici trovati sugli indumenti di Yara e alcuni fra i duemila profili prelevati ed esaminati nel corso delle indagini. Lo ha sostenuto venerdì sera la trasmissione tv «Quarto Grado», su Rete4, affermando che il cerchio delle indagini sull'omicidio di Yara si starebbe stringendo attorno a un numero più ristretto di sospettati.

Si tratta di indiscrezioni e non di notizie confermate. Secondo i giornalisti della trasmissione tv, alcuni Dna fra quelli comparati nell'ambito dell'inchiesta con i profili scoperti dai Ris di Parma sugli slip e sulla maglietta della tredicenne di Brembate Sopra presenterebbero alcune regioni somiglianti, non però ancora sufficienti ad attribuire con certezza identità personali. Si è parlato di oltre dieci punti di contatto fra i profili in questione e le tracce genetiche trovate sui vestiti di Yara. Non si sa, tuttavia, quanti siano i Dna «sospetti» né tantomeno a quale cerchia di persone appartengano. Le indagini infatti, fra indiscrezioni e qualche fuga di notizie, proseguono nel più stretto riserbo ufficiale.

«In una comunità non grande come può essere quella di Brembate Sopra - ha commentato il generale Luciano Garofano, ex comandante dei Ris e ospite fisso della trasmissione Mediaset - è normale che i profili genetici abbiano fra loro una certa somiglianza. Occorre studiare le regioni del Dna e aumentarne il numero a 13-14, così da poter attribuire con certezza eventuali identità personali». Dunque è proprio dalle indagini scientifiche che potrà arrivare la tanto attesa svolta nelle indagini? Presto per dirlo, ma gli inquirenti stanno lavorando senza sosta per arrivare al risultato. Sono quattro, finora, le tracce genetiche scoperte sui vestiti di Yara: due (un Dna maschile e uno femminile) si trovavano su un guanto, mentre altre due, entrambi profili genetici maschili, sono state trovate sugli slip e sul colletto interno della maglietta.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata