Mercoledì 06 Luglio 2011

Denuncia dei pendolari sul nostro sito
Trenord aggiusta subito le obliteratrici

La protesta dei pendolari, costretti a girovagare in stazione alla ricerca di una macchina obliteratrice funzionante, ha fatto centro nel giro di una manciata di ore. Martedì pomeriggio, infatti, i dispositivi per la convalida dei biglietti sono stati tutti ripristinati.

La segnalazione del disagio è pervenuta al giornale martedì mattina da un pendolare ed è stata subito pubblicata sul nostro sito web www.ecodibergamo.it: «Le 8 obliteratrici della stazione di Bergamo non funzionano da almeno sabato 2 luglio. Alcune sono incerottate e inutilizzabili, in altre lampeggia la spia rossa e una è senza inchiostro».

È bastata una rapida incursione alla stazione Fs per verificare che la lamentela era fondata. Un disservizio che ha causato inevitabili malumori. Chi infatti ha dovuto prendere il treno da Bergamo negli ultimi giorni, dopo la solita fila estenuante alla biglietteria, si è visto costretto a passare in rassegna tutte le macchinette per scoprire quale funzionava per la convalida.

Il regolamento ferroviario, infatti, impone ai viaggiatori che non hanno vidimato il biglietto di cercare il controllore per farselo convalidare sul treno. Non sempre questo accade e quando è invece il controllore a chiedere il documento di viaggio e non lo trova timbrato è come se il passeggero ne fosse sprovvisto, cosa che fa scattare la multa di 50 euro.

Delle 8 obliteratrici in stazione martedì mattina le 5 presenti nell'atrio erano tutte guaste. Trenord ha ammesso che sono sue le 8 obliteratrici. «Hanno avuto un problema di alimentazione elettrica – è stata la risposta – ma nel primo pomeriggio (ieri, ndr) sarà ripristinato il loro funzionamento. A breve, inoltre, installeremo in stazione anche due nuovi Dab (Distributori automatici di biglietti)».

Nel giro di poche ore, grazie alla segnalazione dei pendolari sul nostro sito internet, tutto è tornato alla normalità.

Leggi di più su L'Eco di mercoledì 6 luglio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata