Martedì 09 Agosto 2011

Le conclusioni dell'autopsia
Yara è morta di freddo e stenti

Nessuna delle lesioni sul corpo di Yara Gambirasio era di per sé mortale. A uccidere la tredicenne, dopo che era stata abbandonata gravemente ferita nel campo di Chignolo, sarebbero stati come concause il freddo e gli stenti. Quando l'assassino l'ha abbandonata in via Bedeschi, quindi, la ragazzina era ancora viva, seppur in gravi condizioni.

È, in estrema sintesi, la conclusione a cui arriva la relazione dell'antropologa forense Cristina Cattaneo, che ha effettuato l'autopsia sul corpo di Yara. I risultati della consulenza dell'esperta – centinaia di pagine di dati, rilievi e analisi – sono attesi a giorni. Intanto al nostro giornale è arrivata ieri la lettera (anonima e scritta con l'aiuto di un normografo) di un uomo che si autoaccusa del delitto della ragazzina. Il pm Letizia Ruggeri ha deciso di trasmetterla al Ris di Parma.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo oggi in edicola

e.roncalli

© riproduzione riservata