Lunedì 12 Settembre 2011

Lo Snals bacchetta il ministro:
«Troppi sacrifici dei dipendenti»

Lo Snals-Confsal con un comunicato ha ringraziato il personale dell'Ufficio X e della Scuole Polo per la nomina, tra mille difficoltà, di docenti e Ata, e nel contempo ha bacchettato il ministro della Pubblica istruzione, Mariastella Gelmini: «Troppi i sacrifici dei dipendenti». Ecco il comunicato integrale.

«Signor Ministro, chissà come sarà radiosamente orgogliosa, il primo giorno di Scuola di annunciare che "tutto il Personale, che ne aveva diritto, è stato nominato e la Scuola inizia regolarmente". Lei, che è bergamasca di adozione perché non si è fatta un giretto all'Ufficio X o nelle Scuole Polo, avrebbe toccato con mano l'angoscia di chi è stato costretto a lavorare in tempi strettissimi, con i numeri ballerini di posti e cattedre, con una tecnologia da medio evo e con una normativa che veniva "chiarita" … il giorno dopo!».

«Lo sa che i suoi Dipendenti hanno dovuto utilizzare il cellulare personale per gestire le nomine? Lo sa che persino chi ha avuto un incidente, ed era casa in malattia, ha contribuito a farLe fare bella figura? Lo sa che le nomine sono state fatte senza soluzione di continuità, dalla mattina alla sera, eliminando persino la pausa pranzo?».

«Lo sa che all'Ufficio X, in questo periodo, c'è chi è riuscito ad accumulare fino a 200 ore di straordinario: che non verranno mai pagate? Lo sa che all'Ufficio X, il nuovo Dirigente, insediato da pochi mesi, assediato dalle "giuste" richieste dei precari e del territorio e da un organico di Personale a disposizione vergognosamente ridotto all'osso, non ha saputo far niente di meglio che "tagliarsi" le ferie?».

«Certo, siamo tutti contenti che la Scuola inizi regolarmente, ma Lei come pensa di ripagare i sacrifici dei Suoi Dipendenti? Guardi, potrebbe anche bastare la classica "pacca sulla spalla" accompagnata da un grazie sincero, però ADESSO BASTA, SIGNOR MINISTRO!».

«Dopo la conferenza stampa di inizio d'anno, chiami chi Lei sa, stabilisca un tempistica rigida che, partendo dai movimenti provinciali ed interprovinciali, dia un tempo congruo per le operazioni di nomina, ITI e TD, da terminarsi entro il 31 agosto 2012. La richiesta scaturisce dal fatto che con le nomine TD, terminate il 10 di settembre, grazie alla scandalosa tempistica posta in essere quest'anno, una nuova "fregatura" è stata affibiata al Personale precario».

«Ma quella del Popolo dei migranti, è tutta un'altra storia, avremo tempo per parlarne».

Il segretario provinciale
Loris Renato Colombo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata