Lunedì 12 Settembre 2011

Allarme di Biesuz, ad di Trenord:
un treno su due rischia di saltare

«Se i tagli contenuti nell'ultima versione della manovra dovessero essere confermati, un treno su due non potrà più circolare in Lombardia». È la denuncia che avanza Giuseppe Biesuz, amministratore delegato di Trenord, la nuova società che gestisce i servizi sui binari della Lombardia. Il manager di Trenord ha parlato a Lecco, in occasione dell'entrata in servizio del primo degli 11 nuovi treni Gtw sulla linea Milano-Monza-Molteno-Lecco.

«Se rimangono i numeri dell'ultima versione della manovra - ha precisato Biesuz all'Ansa - ci saranno tagliati, sul 2012, circa 200 milioni di euro, ovvero tra il 50 e il 60% dei trasferimenti dello Stato. Questo significa, in termini di servizio, tagliare un treno su due, ma soprattutto significa essere costretti a ridimensionare l'azienda e quindi a creare un grosso problema di natura occupazionale».

Secondo Biesuz, infatti, le prime proiezioni rese disponibili dai suoi tecnici, parlano di un taglio del personale di 1.500 dipendenti. «I costi di questa azienda - ha aggiunto Biesuz - sono sostanzialmente incomprimibili per il 70% perchè riguardano gli asset e il personale».

Per questo motivo l'amministratore delegato di Trenord ha lanciato un appello al governo affinché «si possa recuperare un taglio che per il sistema ferroviario è inaccettabile».

m.sanfilippo

© riproduzione riservata