Domenica 16 Ottobre 2011

Longuelo: il quartiere invecchia
Due funerali per ogni nascita

«Dopo la curva cambia l'aria. Ci faccia caso, magari arrivando da Loreto in bicicletta, o anche a piedi. Dopo la curva del colle della Benaglia ci si affaccia su Longuelo, sulla conca incuneata fra i colli e l'aria è diversa. Migliore. È un posto suggestivo ancora oggi, un posto che si stacca dalla città».
Un bel quartiere. Lo dice l'orologiaio del rione, Dario Ruggeri, qui dal 1962.

Lo conferma don Massimo Maffioletti, parroco a Longuelo dal 2008: «È un quartiere dove si vive bene, dove non mancano i servizi, dove esiste una composizione sociale piuttosto varia, ma comunque con una sua omogeneità. Distinguerei tre parti: quella storica che si trova verso i colli, verso Astino e verso Borgo Canale, quella popolare per via degli interventi che si fecero fra gli Anni Cinquanta e Sessanta, e quella residenziale, formata anche da condomini e palazzine eleganti».

«Queste tre parti si armonizzano bene. Se devo individuare un limite, direi che è quello demografico. Il quartiere sta invecchiando, sempre di più. Mediamente, faccio cinquanta funerali e venticinque battesimi all'anno. I matrimoni celebrati in chiesa sono quattro, cinque. Nel 1959 il quartiere aveva tremila anime invece delle attuali cinquemila, ma le nascite furono ventitré e i morti venti...».

Un quartiere discreto. Le associazioni di volontariato ci sono, ma non pullulano: alpini, sci club, Avis Aido, Scrigno. Dice il parroco: «Forse il quartiere potrebbe dare di più sul fronte della socialità. È un quartiere che don Giuseppe Donghi e don Martino Lanfranchi prima di me hanno guidato verso un senso di comunità, di appartenenza, ma c'è ancora da lavorare».

Leggi di più su L'Eco di domenica 16 ottobre
Racconta il tuo quartiere scrivendo a [email protected]

m.sanfilippo

© riproduzione riservata