Giovedì 27 Ottobre 2011

Uffici ed ex padiglioni psichiatrici
Palafrizzoni vende per fare cassa

Vendesi, vendesi, vendesi. Sperando che qualcuno compri, e visti i precedenti (recentissimi) c'è davvero da incrociare le dita. Palafrizzoni ha pubblicato tre bandi d'asta pubblica, tutti in scadenza il 14 dicembre: l'obiettivo è fare cassa e quadrare i conti sempre più esangui.

La cifra complessiva a base d'asta è di 2 milioni 586 mila 530 euro: considerando che le offerte sono al rialzo, è chiaro che Palafrizzoni spera di portare a casa qualcosa di più. Ma visto i chiari di luna attuali c'è anche il rischio che le tre aste finiscano deserte, con conseguente ripubblicazione dei bandi ad un importo inferiore.

Del resto c'è un precedente della scorsa settimana che mette tutti sul chi-va-là: la vendita dei diritti immobiliari (4.500 metri cubi) di un'area in zona Parco ovest. Palafrizzoni partiva da una base d'asta di 1 milione d'euro, ma si è trovato davanti il deserto più assoluto: zero offerte.

Nell'attesa, sul piatto arrivano tre immobili in cerca di acquirente. Il primo è in via Broseta ai civici 56 e 56/a: in passato ospitava gli uffici della medicina del lavoro, a pochi passi dal Triangolo. È diviso in due lotti: il primo riguarda locali al piano seminterrato, con base d'asta fissata a 188 mila euro. Il secondo (al civico 56/a) comprende locali al piano terra, per una base d'asta di 288 mila euro.

Il pezzo grosso di questo giro è però il Padiglione di osservazione femminile all'interno dell'ex ospedale neuropsichiatrico di via Borgo Palazzo: valore a base d'asta 1 milione e 200 mila euro. Terzo immobile in vendita, l'ex sede di Porta Sud in via Malj Tabajani 4: nello specifico, i quasi 300 metri quadri al terzo piano ad uso ufficio e residenza e un'autorimessa interrata. Si parte da 910.530 euro.

Le offerte per ogni bando di gara vanno presentate (chiaramente in modo separato) entro le 12,30 del 7 dicembre: il 14 ci sarà l'apertura delle buste. Informazioni disponibili sul sito www.comune.bergamo.it .

m.sanfilippo

© riproduzione riservata